Gezi Parki

#Turchia: Social Media, il nuovo campo di battaglia politica

Gli eventi di Gezi Parki dello scorso giugno hanno visto il governo Turco prendere posizioni molto dure nei confronti della “propaganda” anti-governativa sui social media, tanto da portare a numerosi arresti in diverse città oltre a Istanbul, centro delle proteste. Il Governo tentò, inoltre, di ottenere, con scarso successo, informazioni da Twitter e Facebook sui profili degli utenti (...

Twitter dice “No” al governo turco

Twitter declina l’invito del Governo Turco a collaborare nelle indagini relative alle proteste di Gezi Parki, prendendo una posizione contraria rispetto a Facebook che, invece, si è reso disponibile a fornire le informazioni necessarie agli organi che stanno effettuando le indagini. Twitter e Facebook avevano già rifiutato di fornire informazioni al governo Turco, nonostante avessero entramb...