garante privacy

Cookies: conto alla rovescia per mettere i siti web in regola

Gli internauti si erano ormai rassegnati a visualizzare passivamente sullo schermo del pc dei banner pubblicitari legati alle proprie ricerche effettuate di recente sul motore di ricerca o all’ultimo acquisto fatto su Internet, ma tra poco pare proprio che la musica sia destinata a cambiare. C’è tempo infatti fino al 2 giugno 2015 per adeguare i siti web alle prescrizioni del Provvedim...

Dl Antiterrorismo, Renzi vuol vederci chiaro: no allo spionaggio smartphone e pc da remoto

Questa è una di quelle storie tutte italiane da approfondire bene: il dl antiterrorismo che, in origine, consentiva alla Polizia Postale (dopo l’ok della Magistratura) di frugare in ogni smartphone e computer dei privati cittadini è stato momentaneamente ‘sforbiciato’ da @matteorenzi, che ha ottenuto in extremis lo stralcio, dal dl antiterrorismo, della parte ‘incriminata&#...

Impronte digitali e firma grafometrica: nuove regole per PA e imprese

Novità importanti, sul fronte privacy e sicurezza nell’utilizzo di particolari tipi di dati biometrici, in primis impronte digitali e la firma grafometrica. Si tratta di un nuovo quadro unitario con semplificazioni ed accorgimenti di carattere tecnico, processuale ed organizzativi, in un campo dove cresce a dismisura la diffusione di dispositivi biometrici, anche incorporati in prodotti di l...

Sentenze online, il Garante ‘bacchetta’ la Cassazione. “Via i dati personali”

Sembra un paradosso ma non lo è. Le sentenze online della Cassazione, messe tutte su Internet con nomi, cognomi, indirizzi, tutti i dati sufficienti per identificare attori e convenuti del relativo processo, e consultabili – in via sperimentale – da tutti i liberi cittadini, così come sono sono troppo trasparenti. Ma come? Chiediamo la trasparenza, viviamo nella speranza di un open dat...

Dati sensibili online solo se indispensabili: le linee guida del Garante

Eccole qua, le linee guida del Garante Privacy per la trasparenza della PA in rete e gli open data pubblici. Di fatto, il Garante intima l’obbligo di pubblicare sui siti web esclusivamente dati esatti e indispensabili, vietando invece la diffusione di informazioni riguardanti la salute e i dati sensibili. Queste norme, emanate in seguito al decreto legislativo n.33/2013, farebbero riferiment...

App mediche: il Garante Privacy vuol vederci chiaro

Si chiama Sweep Day, si terrà tra il 12 e il 18 maggio, e si tratta di un controllo a tappeto da parte del Garante Privacy su tutte le app mediche che affollano il web. L’obiettivo è verificare la trasparenza e il rispetto della privacy. Lo Sweep Day è un’iniziativa internazionale, che si terrà in 28 Paesi, nell’ambito del progetto “Privacy Sweep 2014” promosso dal Global P...

Mercato del lavoro online, interviene il Garante Privacy

Mercato del lavoro, urge un cambiamento: il Garante della Privacy non tollera più le continue problematiche sui dati personali online e, nella sua newsletter, precisa in maniera molto chiara che esige maggiore trasparenza e correttezza nel mercato del lavoro via Internet. Proprio in quest’ottica, il Garante ha vietato ad una società l’uso dei dati personali di oltre 400 mila aspiranti ...

Aiuto, siamo invasi dallo spam: le linee guida del Garante Privacy e le difese del cittadino

Si parla spesso, a volte anche a sproposito, di spam: oggi, nell’era definibile dei social network e delle app di messaggistica istantanea, capita di ricevere svariati messaggi pubblicitari atti a invogliare l’utente all’acquisto di quel prodotto o servizio. Ovviamente il Garante della Privacy, su questo tema, è molto sensibile: in questo senso è meglio dare un’occhiata all...

Liberi liberi siamo noi? Il wifi italiano si europeizza all’ultimo secondo: abrogato l’obbligo di tracciare il Mac Addres

C’era davvero il rischio di precipitare in un burrone clamoroso, con questo wifi libero che libero come lo intendiamo noi Pionieri non sarà mai ma che adesso, col dietrofront del dietrofront dell’ultimo secondo – tipo tiro allo scadere o gol al 93esimo, ma meglio tardi che mai – effettivamente migliora la condizione di esercenti e anche di fruitori. Una sorta di cambiamento...

Wi-fi libero, i dubbi del Garante per la privacy sul decreto del fare e sul ddl semplificazioni del Governo Letta

Liberalizzazione del wifi, perdita di tutele per gli imprenditori, troppi dati sanitari a Ministeri e Regioni: sono queste le perplessità espresse dal Garante per la privacy sui recenti provvedimenti del Governo Letta, ovvero il c.d. decreto del fare e il d.d.l. sulle semplificazioni. Con un comunicato stampa diffuso il 9 luglio scorso, l’Authority bacchetta il Governo – talvolta lo bo...

Privacy Day in formato europeo: a Pisa anteprima sulla nuova normativa

A un mese esatto dall’evento annuale di Federprivacy sono quasi un migliaio i partecipanti previsti il 23 maggio al Palazzo dei Congressi di Pisa per seguire gli sviluppi riguardanti la nuova normativa sulla protezione dei dati che tra circa un anno andrà a sostituire l’attuale codice privacy italiano, entrando in vigore non soltanto nel nostro Paese, ma anche in tutti gli altri 26 sta...

Wi-fi nei locali pubblici: accesso libero e nessuna responsabilita’ per i gestori

Era ora. Ormai eravamo rimasti solo noi, costretti a fornire i documenti (cartacei, ovviamente…) per poter navigare in questo o quel ristorante. Dove c’era wi fi libero, fornito dai gestori di qualsiasi esercizio, fino a ieri la responsabilità per eventuali illeciti commessi dai fruitori sarebbe stata proprio dei ristoratori. Che, non in tutti i casi ma in molti, prendevano le necessar...

  • 1
  • 2