comuni

Comuni-Chiamo fa il pieno di Comuni e segnalazioni: cosi’ si risolvono i problemi!

Bilancio più che positivo in chiusura del I semestre 2015 per Comuni-Chiamo, startup bolognese creatrice dell’omonima piattaforma www.comuni-chiamo.com che permette ai Comuni di gestire le segnalazioni fatte dai cittadini e risolvere i problemi della propria città: dal 2011, anno di nascita, sono stati risolti più di 25.000 problemi nei 53 Comuni che finora hanno adottato il software gestionale, b...

Smart city: gli errori di Between che non considera le persone

È stato pubblicato il secondo rapporto “Smart City index” di Between. Una parte importante del mio nuovo libro “Costruire una città intelligente” è dedicata a confutare l’approccio metodologico adottato da Between. La metodologia adottata da Between è rigorosamente quantitativa. Vengono quindi adottati parametri basati ad esempio sul numero dei wifi che ci sono in una città, quante LIM...

Ecco l’Italia di Twitter: 461 i comuni in 140 caratteri, e non sono quelli grandi

Sono 461 i comuni italiani con un account ufficiale su Twitter. E se ancora le amministrazioni che cinguettano sono un numero limitato, il fenomeno è in crescita esponenziale: basta pensare che nel giugno scorso i profili erano 368. Il 6% dei comuni è su Twitter. A disegnare la geografia delle amministrazioni comunali cinguettanti è lo studio realizzato dall’Università di Siena su “I Comuni italia...

Comuni inadempienti? Restano ancora sessanta giorni di vita…

L’articolo 3 del Decreto Legge 10 ottobre 2012, n. 174 “Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate nel maggio 2012” in vigore dall’11 ottobre 2012 e convertito con modificazioni dalla Legge 7  dicembre 2012, n. 213 ha apportato sostanziali modificazioni all’art. 147 del D. Lgs. n. 267/2000...

Agenda digitale e turismo, nebbia fitta con l’incubo dell’ennesimo Italia.it senza senso

Confusione. Nebbia. Approssimazione. L’agenda digitale continua terribilmente ad assomigliare all’ultimo dei Godot, quello dell’eterna illusione italiana: prima la nomina del presidente, poi il decreto crescita 2.0 che tratta tutto insieme senza finalizzare il digitale a un percorso proprio. Ora, giusto per metterci il carico di briscola, arrivano anche i rumors su questo fantoma...