chatON

Whatsapp: le quattro novita’ da non perdere

Anno nuovo, sistemi di messaggistica istantanea ‘vecchi’: tutti ci provano, ma Whatsapp prende sempre più quota di mercato e, a discapito dei suoi 0.89 centesimi all’anno (dopo un anno di prova gratis per chi non l’ha mai utilizzato) resta sempre l’istant messaging system numero 1 al mondo. In realtà, oltre ai soliti noti (WeChat, ChatOn, Line, Viber, Facebook Messeng...

WeChat ha Belen, Line ha Emma (e i numeri), Whatsapp ha la “cartola”

Siamo di fronte ad un fenomeno di massa senza precedenti, equiparabile probabilmente all’avvento dei Pc portatili, dell’ Internet ad alta velocità, dei giornali online: mentre Belen Rodriguez posta su Facebook le foto del backstage del nuovo spot di WeChat e Line si esalta per numeri da capogiro, la sensazione è che, per dirla alla ‘bolognese’, Whatsapp sia sempre una spann...

BlackBerry Messenger, assalto a Whatsapp

Si aggiungerà alla lunga lista dei disturbatori di Whatsapp oppure rappresenterà un effettiva minaccia: il dilemma su BlackBerry Messenger (BBM) è già vivo e vegeto, soprattutto dopo il lancio ufficiale avvenuto ieri e i 10 milioni di download (è disponibile gratuitamente sull’App Store di Apple e su Google Play) nelle prime 24 ore di disponibilità. Se provate a farci un salto, vista l’...

ChatON e WeChat sfidano Whatsapp: la messaggistica istantanea domina. Costi, caratteristiche, confronti, bufale (tipo Whatsapp a pagamento)

Chaton, Wechat, Whatsapp, Skype, Viber, Facebook Messenger e chi più ne ha più ne metta. Ogni giorno ne viene fuori uno, e del resto ormai siamo tutti completamente schiavi della messaggistica istantanea. Questi sistemi immediati, che di fatto stanno sostituendo in tutto e per tutto i vecchi SMS (con ovvi malcontenti degli operatori telefonici), si arricchiscono continuamente di funzionalità che l...

Android: WhatsApp a pagamento?

Brutte notizie per gli utenti Android che utilizzano WhatsApp, la famosa applicazione multi-piattaforma per la messaggistica mobile. WhatsApp, a pagamento per gli utenti iOS, è invece attualmente disponibile al download gratutito dal PlayStore, ma potrebbe diventare a pagamento. L’idea è quella di proporre agli utenti un abbonamento annuale del costo di circa 0,75 €, per ripagare il buon lav...