Egovnews

Il sito di approfondimento per i professionisti della P.A Digitale

Ddl Diffamazione, tra social media e giornalismo

Rinviato lo sciopero dei giornalisti previsto per lunedì 26 novembre contro il Ddl sulla diffamazione. Si lascia, dunque, uno spiraglio per un dialogo che consenta di correggere in extremis il testo definitivo di modifica al disegno di legge, dopo la recente approvazione della norma “salva-direttori”, che comminerebbe una multa fino a 50 mila euro per il direttore o il vice-direttore responsabile ...

Conferenza stampa Homer

Bologna – Stimolare il mercato digitale nel bacino del Mediterraneo, mettendo in comune e armonizzando il patrimonio di dati e di informazioni prodotte, raccolte e finanziate dagli enti pubblici. Il tutto attraverso i cosiddetti “open data”, le informazioni della pubblica amministrazione rilasciate in formato aperto e riusabile, la cui condivisione potrà aumentare la conoscenza dei dati perc...

Penna e calamaio: giustizia digitale ti saluto…

Roba da matti? No, roba italiana. Puro, semplice e perfetto made in Italy. Del resto, nell’epoca in cui parliamo di dematerializzare anche i volantini per strada e poi ci serve la stampa di ogni registrazione online – con la scuola ancora alle prese con la pantomima dei libri digitali ben lungi dall’avere una conclusione concreta -, è scelta logica far trascrivere a mano gli atti...

La Forbice

Vivo ogni giorno ed ogni notte l’esperienza di una forbice, in continua, costante divaricazione. La sera, la notte, il rutilante mondo di Facebook  mi affascina e mi intriga, mi confonde e mi stupisce, mi fa pensare di essere davvero in un mondo, in una nazione dove la tecnologia ormai regna sovrana, gli startuppers sono più numerosi dei vigili urbani, le idee più straordinarie vengono partorite a...

(Open) data journalism: il futuro abita qui

Si è sviluppato a mano a mano che nel mondo venivano aperti archivi e venivano rese disponibili banche dati, pubbliche o private che fossero. Per convenzione lo chiamiamo (open) data journalism, ma potremmo anche chiamarlo journalism e basta, visto che il buon giornalismo ha sempre richiesto verifiche incrociate e nulla è più preciso e degno di fede di dati attendibili. Si tratta di prendere i dat...

L’agenda digitale naviga a vista: tutti la vogliono, ma come si ottiene?

Libri, scuola, decreti, modalità. Tutti a parlare di agenda digitale, tutti a volerla, a cercarla. Ma dove si trova? E a che punto sono i lavori? La cabina dei regia è li, il premier Monti l’ha fortemente voluta quale primo passo per arrivare a una ristrutturazione del “modus digitalis” italiano, passando per un decreto crescita 2.0 che ha si analizzato e regolamentato diversi as...

Servizi digitali: la PA deve svegliarsi ma ha bisogno di cittadini e imprese

Intervista di Simona Silvestri su eGov News Concepire le tecnologie digitali come mezzo e non come un fine. A sottolineare il concetto è Gianluigi Cogo (Rete Innovatori PA e docente universitario di Social Media), con il quale apriamo un nuovo approfondimento sui servizi innovati per l’utenza: un tema di stretta attualità, direttamente proveniente dal Premio Egov 2012 e che vede le Pubblica Ammini...

L’Italia rincorre il suo digital divide sistematico

Corea del Sud, Danimarca, Svezia, Islanda, Gran Bretagna. Vi bastano? Tranquilli: anche Portogallo, Spagna e Polonia ci sorpassano. Tutte queste, a livello di innovazione tecnologica – termine abbastanza abusato, forse sarebbe meglio dire sviluppo innovativo – sono migliori dell’Italia. L’ennesimo risultato che ci “condanna” l’hanno lanciato quelli dell...

Smart cities, il ’900, e poi….

Sono sommerso da messaggi, da articoli, da prodotti. Il messaggio è che siamo tutti “smart”. Ma ormai si scade nel ridicolo. Se fosse vero (ma non dubbi che sia andata proprio così) ciò che è stato riportato dalla cronaca nel rappresentare il dibattito avvenuto alla Commissione Industria del Senato, saremmo ormai al paradosso. Il dibattito, secondo le cronache, si è incentrato attorno all’opportun...

Agenda digitale e turismo, nebbia fitta con l’incubo dell’ennesimo Italia.it senza senso

Confusione. Nebbia. Approssimazione. L’agenda digitale continua terribilmente ad assomigliare all’ultimo dei Godot, quello dell’eterna illusione italiana: prima la nomina del presidente, poi il decreto crescita 2.0 che tratta tutto insieme senza finalizzare il digitale a un percorso proprio. Ora, giusto per metterci il carico di briscola, arrivano anche i rumors su questo fantoma...

Startup: per tutti si, ovunque no

La Silicon Valley è sempre li, in cima a una classifica dove innovazione, impresa e idee si intrecciano vistosamente, cercando di costruire quel qualcosa che oggi prende piede col nome startup ma che altro non è che il tentativo, costante, di creare soluzioni alternative al business classico. C’è una novità sostanziale, però, alla voce “posti dove imbastire una startup“, ed è la ...

Twitter e i partiti italiani: presenti si, ma poco interattivi

L’uso dei social media quale comunicazione utile e diretta con i cittadini, nel nostro Paese, è appena cominciato: le elezioni politiche del 2013 però sono alle porte e su Twitter è difficile trovare profili effettivamente finalizzati al senso dell’obiettivo. Quello che manca è forse una preparazione di base per gestire uno spazio di comunicazione dove il confronto con gli elettori e i...