in evidenza / Lifestyle / Marketing / Strategia

La casa degli italiani si arreda sempre di più online

La casa degli italiani si arreda sempre di più online
3 minuti di lettura

In linea con gli altri paesi europei anche l’Italia ha finalmente consolidato la sua apertura nei confronti del commercio elettronico. Diverse analisi hanno infatti evidenziato come gli utenti comprino ormai quasi tutto online, dai viaggi all’assicurazione, dai vestiti all’elettronica. Proprio l’elettronica sarebbe uno dei settori ad essere più sotto i riflettori nelle nuove indagini di mercato, con un focus particolare su elettrodomestici, arredamento e hi tech. Questa tipologia di articoli sarebbe infatti l’ultima ad essere entrata nella classifica di tutti i prodotti che gli italiani acquistano tramite e-commerce. Cade dunque uno dei capi saldi cari ai nostri concittadini, i quali hanno sempre legato l’acquisto di tutto ciò che riguardava la casa al metodo di acquisto tradizionale.

Ma quali sarebbero i motivi che hanno contribuito a cambiare uno degli atteggiamenti più radicati negli italiani? Secondo un recente studio condotto da Privalia Watch il motivo principale, espresso dal ben 98% dei partecipanti all’inchiesta, sarebbe legato al risparmio. Online infatti si trovano più spesso offerte, tra l’altro esclusive per il sito, caratterizzate anche da una percentuale di sconto maggiore rispetto a quella proposta dal negozio fisico. Un valido aiuto viene inoltre dal mondo del couponing: sempre più utenti infatti cercano codici sconto Unieuro, codici sconto Euronics, ed altri voucher legati ai siti leader nel mercato dell’elettronica, prima di concludere il proprio acquisto. Per questo motivo sempre più siti non specializzati nel mondo del couponing, uno fra i quali TGCOM24, hanno recentemente creato una sezione apposita nella quale proporre buoni sconti legati agli acquisti online.

Naturalmente il risparmio non è l’unica motivazione emersa dalle interviste. Per il 73% degli utenti online si ha la possibilità di scegliere fra una proposta più ampia e, di conseguenza, trovare modelli più in linea ai propri gusti estetici e alle caratteristiche tecniche richieste. Il 58% ha inoltre affermato di essere molto attento alle nuove uscite del mondo tecnologico legate al settore della casa, tanto da cambiare alcuni dei piccoli elettrodomestici a meno di un anno dall’acquisto, solo per il desiderio di possedere l’ultimo modello e di godere delle ultime innovazioni tecnologiche. Il nuovo popolo degli acquirenti online dunque è formato da un pubblico appassionato, sempre aggiornato sulle ultime novità e disposto ad investire cifre anche importanti pur di realizzare il sogno di un ambiente casalingo funzionale e confortevole.

Ai vertici della classifica dei prodotti più acquistati si posizionano i complementi d’arredo con il 72%, con una predominanza piuttosto netta degli oggetti destinati al salotto. Al secondo e terzo posto si posizionano rispettivamente gli utensili da cucina con il 52% e gli oggetti di design, con il 48%. Infine all’ultimo posto, con numeri di tutto rispetto, gli elettrodomestici la cui percentuale si attesta al 40%.

Nel monitorare questo nuovo comportamento d’acquisto un’indagine condotta da Whirlpool Emea ha però riscontrato una differenza con i nostri vicini di casa francesi e tedeschi. Gli italiani infatti si sarebbero sì spostati sul mercato dell’online anche per i prodotti casalinghi, ma con la particolarità di raccogliere prima nei punti di vendita fisici le informazioni sul prodotto che intendono acquistare. Infatti, se come campione di prodotto prendiamo per esempio i frigoriferi la percentuale di italiani che si reca in negozio prima di ultimare l’acquisto online è pari al 58%, mentre quella dei francesi si ferma al 55% e quella dei tedeschi addirittura al 46%. Questi dati dunque permettono di affermare che le nostre abitudini di acquisto si stanno modificando  certamente anche nel settore della casa, ma con un approccio ancora ibrido, disposto ad abbandonare gradualmente e solo parzialmente il mondo dell’offline.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>