E-Commerce: il padrone è Magento

Scritto da:     Tags:  , , , ,     Data di inserimento:  30 agosto, 2016  |  Nessun commento
30 agosto, 2016
E-commerce

Visite: 2364

EcommerceSono stato in Olanda, qualche settimana fa per motivi di lavoro. Ho incontrato il team della società JMango360 che ha inventato una piattaforma per creare facilmente le APP per l’M-Commerce.

Ora, visto che solo il 5% delle aziende italiane ha un e-commerce, parlare di Mobile sembra cosa da early adapters ma, visto che dobbiamo recuperare il terreno perduto rispetto ad altre nazioni europee, secondo me dovresti mollare tutto quello che stai facendo, in questo momento, per scoprire i segreti della vendita online tramite cellulare! Sto correndo troppo? È vero! Facciamo un passo alla volta! Iniziamo dalle basi.

M-Commerce è sinonimo (più che acronimo) della parola Mobile Commerce. Il significato è presto detto: “Il mobile commmerce è un insieme di strategie, strumenti e tecniche per vendere online tramite gli smartphone”. La domanda sorge spontanea:

Perchè tanto interesse nel Mobile Commerce?

Perchè le navigazioni da cellulare hanno raggiunto/superato quelle da desktop, pertanto a livello strategico e operativo sappiamo che, per vendere di più nei nostri negozi online, dovremo fare qualcosa di migliore rispetto ad un sito resposive (ovvero che si adatta allo smartphone o al device che lo sta navigando). Questo qualcosa tecnicamente si chiama App.

Si tratta di un segmento che sta generando qualche miliardo di dollari ed euro e yen e tante altre monete in tutto il mondo! Ti dice qualcosa se ti dico che aziende come Amazon, Ebay, Zalando ci sono già arrivati? E se parlo di investimenti milionari fatti dai potenti delle vendite, prima nel rendere i loro siti responsive e poi (loro lo hanno già fatto) nel costruire app che sono veri e propri negozi virtuali che generano però visite, vendite, fatturati e margini assolutamente reali?

Nel nostro piccolo cosa fare quindi? Rimanere a guardare? Qui c’è la risposta!
Visto che parliamo di business online, JMango360 (qui chiedi una demo gratuita), ha creato un ambiente di sviluppo per APP, grazie ad un fondo d’investimento che ha creduto nell’idea innovativa. Quale idea? Semplificare la produzione delle app e creare una vista del database dell’ecommerce (categorie, prodotti o servizi, pagine statiche, carrello, e sistema di pagamento) in modo da creare velocemente (time to market qualche giornata) un negozio che può vivere contemporaneamente nell’ambiente iOS (Apple) e in Android (Google).

Visto che quindi queste app vivono solo se si collegano a E-commerce già esistenti, ho chiesto ad Eelco van Wijk, A.D. della società, perchè hanno scelto proprio Magento (ndr: famosissima piattaforma per fare siti di vendita online concorrente di Prestashop, Shopify, Woo-Commerce e tanti altri) come primo E-Commerce da collegare alla loro tecnologia.

La risposta è stata semplice. Mi ha mostrato un link che puntava al sito builtwith.com. E dentro questo sito cosa ho trovato?

La classifica delle tecnologie più usate per realizzare siti Ecommerce

Questa la classifica dei CMS più usati per realizzare i più importanti 10 mila siti di vendita online, nel mondo:

  1. Magento (Community + Enterprise) 20%
  2. Oracle 11%
  3. Woocommerce 9%
  4. Shopify 9%
  5. Demandware 6%
  6. Miva Merchant | Big Commerce | Volusion | Yahoo Store 1%
  7. Altri 42%

Clicca sul link per vedere le statistiche sugli e-commerce piu usati nel mondo.

statistica e-commerceChe Magento fosse un cavallo noto lo sapppiamo da anni, mi occupo da 11 anni di Web Marketing (SEO, SEM, Article e Social Media ti dicono qualcosa?) e uso Magento con e per i miei clienti. Quindi quale sorpresa? Ciò che mi ha colpito non è stata la risposta ma la metodologia.

Mentre qui in Italia, quando parli di commercio elettronico c’è ancora l’amico dell’amico che suggerisce quale CMS usare (tecnologia software per fare siti), sulla base del proprio knowhow, all’estero l’approccio è molto più scientifico e semplice.

Chi è il leader negli E-Commerce?
Magento! Bene allora punto su Magento.

Quale miglior sistema per decidere le cose se non l’uso dell’intelletto e non della parte emozionale o del famoso cugino o amico dell’amico? Questo lo dico sopratutto agli imprenditori e ai manager italiani in quanto vedo che nella penisola (isole comprese) la scelta si basa sopratutto su un altro metodo concettuale: il famoso “quale costa meno”?

Il “Quale costa meno” è senza dubbio una metodologia di scelta, ma non può essere una strategia. L’E-commerce va valutato nel medio lungo periodo, proprio come quando si acquista un macchinario. Il macchinario si ripaga entro 5 anni? Ebbene anche un e-commerce si ripaga negli anni. Pensare di andare online con il sitarello da 900 € e fatturare quanto Amazon è il sogno di tutti, anche il mio. Peccato che non sia possibile. Avrei già smesso di lavorare e chi mi conosce sa bene che sono serio!

Questo lo dico agli imprenditori italiani che desiderano aprire un negozio online perchè offline stanno davvero faticando! L’e-commerce è un mestiere, tanto che dovrebbe essere studiato sia dagli imprenditori sia dagli operativi! Il commercio online è difficile da realizzare e da far crescere. Avere un sito di vendita è come avere un figlio che cresce nel tempo e cambia le proprie esigenze. Il primo anno il sito avrà bisogno di tanta tanta attenzione, il secondo anno avrà bisogno di altre esigenze, e così via, per sempre.

Inoltre non puoi essere così sciocco da pensare a progettare un sito con le stesse funzionalità di Amazon, investendo poche migliaia di euro e senza aver mai venduto online. Non mi dire che ci credi veramente!

Sia per motivi economici sia per motivi di struttura interna, esperienza, conoscenza, ritorni economici un e-commerce è un mondo con le proprie regole. Purtroppo non è quello che vedo e sento! Vedo Imprenditori ottimisti (questo va bene) che pensano di finanziare l’attività online con il nuovo sito.

Questa non è la formula esatta. Diciamo che prima s’investe in tecnologia (Magento se vuoi) e in pubblicità (SEO, SEM, ecc). poi dopo tanto lavoro e ore uomo dedicate alla piattaforma e alla strategia di visibilità allora potremo pensare al ROI, il mitico (perchè ormai si tratta di un mito) ritorno dell’investimento che ogni giorno s’allontana di più e diventa difficile da raggiugere.

Cosa e come scegliere? Dopo aver letto questo articolo spero che dentro di te ci sia la risposta e speriamo che sia quella giusta! Perchè il numero di prodotti e servizi venduti online sono sempre di più, pertanto senza un’idea del come si fa a reperire i clienti (questa è la merce che manca) la vedo dura!

Se arginiamo il discorso e torniamo al punto focale legato ad algoritmi, sistemi operativi, hosting o cloud come vuoi e puntiamo alla scelta tecnologica software per il tuo negozio online, la caratteristica principale sulla quale puntare si chiama Scalabilità.

Cosa intendiamo con Scalabilità: la possibilità di modificare la nostra piattaforma a nostro piacimento e nel tempo senza dover cambiare piattaforma. Ed è questa forse la caratteristica più potente di Magento.

Tanto che ci sono migliaia di softwarehouse che producono software da integrare con Magento e siti che vendono questi plugin, per implementare l’E-Commerce Magento, come Magento Store Manager: il primo e-commerce italiano dove acquistare plugin e servizi per Magento. Pensa, un sito che vende online  “cose” per fare siti che vendono online! Vedere per credere quante cose si possono far fare ad un sito.

MORALE sulla vendita online e non solo!
L’invito è di scegliere in modo ponderato e scientifico una tecnologia, l’invito è quello di sapere e conoscere prima di decidere, l’invito è quello di capire prima di fare e non di fare per capire in un secondo momento.

Eviterai di buttare tempo, denaro e illusioni. Sì, perchè i numeri ci sono! L’e-commerce come strumento di vendita funziona, sono le persone che non lo sanno gestire a rovinare tutto. E tu quale sistema conosci? Il metodo “quale costa meno” oppure …?

What's Happening Recommended by Hashcore

Lascia un commento