Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Beni comuni / Cultura digitale / in evidenza / Informazione / Innovazione / Innovazione Sociale / Marketing / Strategia

Entrepreneurs for Social Change: due italiani nella rosa dei 20 giovani scelti

Entrepreneurs for Social Change: due italiani nella rosa dei 20 giovani scelti
3 minuti di lettura

Il progetto internazionale “allena” gli imprenditori sociali nello sviluppo di idee utili per i rispettivi Paesi di provenienza

Di ragazzi e ragazze che hanno deciso di abbandonare il proprio Paese in cerca di qualcosa di sicuro e di migliore, ne è pieno il mondo. Spesso, però, soprattutto parlando di noi italiani viene spontaneo mettere a fuoco solo ed esclusivamente gli aspetti non propriamente positivi che ci caratterizzano. Gli italiani non sanno parlare le lingue straniere, in particolare l’inglese.

Gli italiani non hanno voglia di lavorare. Gli italiani non saranno mai al passo con molte delle altre popolazioni del mondo. Non è tutto vero, perché in realtà ci sono tantissimi esempi di persone che sì, probabilmente sono partiti senza saper dire una parola in inglese, ma che una volta arrivate in terra straniera si sono rimboccare le maniche e hanno studiato, hanno lavorato, hanno frequentato persone di culture differenti e sono migliorate come persone e come lavoratori.

Alcuni hanno poi deciso di rimanere lì, altri di tornare e di dare un contributo reale al nostro Paese. Addirittura è aumentata la percentuale di persone provenienti da tutta Europa che scelgono l’Italia quale luogo in cui vivere e che, per costruirsi un futuro qui, cercano un corso italiano per stranieri e poi si buttano a capofitto in corsi universitari, di specializzazione e alla ricerca di lavori per mettere in pratica quello che hanno imparato.

Ci sono, però, anche ragazzi che di corsi d’inglese non ne hanno bisogno, perché non solo parlano perfettamente la lingua anglofona, ma ne conoscono alla perfezione anche altre, come il tedesco, il francese e il portoghese. Sono Valentina Vitali e Salvatore di Dio, due tra i 20 imprenditori sociali scelti tra 1.200 candidature provenienti da 26 paesi dell’area euro-mediterranea per partecipare al progetto Entrepreneurs for Social Change.

Dal 19 al 25 Ottobre 2015 hanno partecipato, a Torino, a lezioni, approfondimenti, seminari che hanno avuto come obiettivo quello di allenare i giovani imprenditori nello sviluppo di idee capaci di creare nuove opportunità d’impiego nei rispettivi Paesi di provenienza. Non solo Italia, quindi, ma anche Palestina, Israele, Siria, Egitto, Tunisia, Algeria, Marocco, Serbia, Macedonia, Albania , Francia, Portogallo e Spagna.

Dieci ragazzi e dieci ragazze tra i 22 e i 35 anni che hanno tutte le potenzialità per trasformare le idee in imprese sociali, lì dove c’è un’alta disoccupazione e dove è necessario promuovere cambiamenti sociali non violenti.

Quali sono, quindi, le idee di Valentina e Salvatore? Valentina, libera professionista che da due anni crea e organizza programmi per migliorare la vita di persone deboli, mira ad aiutare la vita dei migranti (spesso vittime di traffico umano) con Cascina Gasp: una forma di  fattoria sociale che mira ad integrare le persone svantaggiate tramite la produzione agricola e modelli di sostenibilità.

Salvatore di Dio

Salvatore è invece un designer laureato in Fisica applicata all’ambiente e all’energia che si occupa di realizzare strumenti e metodi di design innovativo per favorire uno sviluppo sostenibile in zone disagiate.

Proprio lui è il co- fondatore e ideatore di PUSH, con sede a Palermo, che si occupa di soluzioni tecnologiche per le smart cities, già vincitrice di numerosi premi in Italia e nel mondo. Idee che sono state scelte perché hanno il potenziale adatto per diventare delle imprese sociali, in futuro, nel nostro Paese.

Dopo questa settimana di training i 20 giovani imprenditori saranno affiancati da tutor esperti per i prossimi nove mesi, per espandere la propria start-up e per fare in modo che le loro piccole, ma grandiose idee, possano diventare fruibili per tutti.

Articolo scritto in collaborazione con IH Milano, scuola che offre corsi di inglese, francese, tedesco e cinese, corsi d’inglese per bambini, corsi di italiano per stranieri, corsi per aziende.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register