Apps & Mobile / in evidenza / Marketing

Telegram o Whatsapp? Tutti e due. Ecco perche’

Telegram o Whatsapp? Tutti e due. Ecco perche’
3 minuti di lettura

Tecnicamente parlando, ci sono diversi buoni motivi per cui Telegram si può definire migliore di Whatsapp. Alla fine del confronto, però, ‘scappa fuori’ che la cornetta verde è il sistema di messaggistica più usato del mondo semplicemente perché…lo usano tutti. Questa reputazione, nata negli anni e sfociata in milioni e milioni di utenti attivi, ha portato Whatsapp a passarle tutte, anche quelle delle chiamate vocali (qualità bassa, molto più bassa di Viber per dirne uno a caso) e, infine, il clone ‘a costo zero’ e ‘non proprietario’, ossia Telegram. Ma allora, cosa facciamo, installiamo Telegram o Whatsapp?

Telegram contro Whatsapp: le differenze

  • prezzoWhatsapp nel 2013 è diventato a pagamento. Ok, costa solo 0.79 centesimi l’anno per dispositivi Android, 0.89 centesimi per iPhone, ma comunque dovete pagare. Telegram invece è completamente gratuito.
  • File supportati per l’invio: Telegram vince facile, visto che supporta l’invio di 1.5 GB, mentre Whatsapp arriva, con difficoltà, al massimo a 160 MB.
  • Dispositivi compatibili: Telegram funziona anche su Pc e Mac e naturalmente anche per smartphone e tablet visto che non richiede un numero di telefono. Invece Whatsapp è disponibile solo per i dispositivi mobile. Ogni account, infatti, è strettamente legato ad un numero telefonico.
  • Velocità di crociera: Telegram è decisamente più snello e veloce di Whatsapp: si possono scorrere tranquillamente lunghe chat senza la restituzione dei lags.
  • Conversazioni in cloud: altro punto a favore di Telegram: non è necessario infatti effettuare alcun backup delle conversazioni, rischiando di perderle durante il reset del telefono, dato che le ritroverete intatte una volta effettuato l’accesso dopo il format. Whatsapp richiede sempre il salvataggio delle conversazioni, soprattutto se passate da un device ad un altro.
  • Material Design: su Telegram, mentre siete all’interno di una chat, con un semplice swype da sinistra verso destra potrete raggiungere l’elenco delle altre conversazioni, senza dover premere il tasto back della barra di navigazione o del menù dell’applicazione. Su Whatsapp no.
  • Memoria dell’ultimo messaggio letto: su Whatsapp per tornare all’ultimo messaggio letto è necessario scrollare tutti i messaggi fino a ritrovare il desiderato. In Telegram la chat di gruppo si apre sempre all’ultimo messaggio letto.
  • Stickers ed emoticon: con le ultime versioni di Telegram state introdotte delle emoticon particolari, le stickers, alternative alle classiche faccine presenti su Whatsapp
  • Chat criptate: su Telegram è possibile lanciare chat criptate – denominate “segrete” – per aumentare la sicurezza delle nostre conversazioni. Su Whatsapp no.
  • Tag e Reply: nelle chat di Telegram è possibile rispondere ad un singolo messaggio o taggare un utente in modo da esser sicuri che il destinatario della risposta capisca a cosa/chi ci stiamo riferendo. Per farlo è sufficiente digitare @ e comparirà la lista degli utenti taggabili. Su Whatsapp non esiste questa funzione.
  • VoIP: qui vince Whatsapp, visto che con Telegram non si possono effettuare chiamate. Ma la qualità audio, se non siete connessi ad un WiFi potente (e lo stesso dicasi per il vostro interlocutore), è davvero scarsa.

And the winner is…

Se un utente dovesse limitarsi a scegliere da quanto scritto sopra, non ci sarebbe molto da dire. Telegram batte Whatsapp quasi ovunque, e qualsiasi funzione sia presente su Whatsapp – escluso il VoIP – c’è anche su Telegram mentre non si può certamente sostenere il contrario. Il problema è che se scaricate Telegram e lo installate, la app automaticamente cercherà i vostri contatti che hanno Telegram. Bene, se li rapportate a tutti quelli che avete in rubrica, e poi fate lo stesso con Whatsapp, vi accorgerete che il rapporto è impietoso.

Qualcosa come 10 a 1 per Whatsapp: per ogni singolo contatto su Telegram ne corrispondono 10, e di più, su Whatsapp. A Telegram, cioè, manca la materia prima. Sarebbe come andare a giocare a calcio su un campo perfetto, con le porte dotate di sensori, le panchine nuove, le tribune da 100 mila posti, ma senza 11 giocatori. Che senso ha? Poco.

E siccome troppe app di messaggistica non servono, ecco perché Whatsapp domina ancora. Chiaro: se nessuno decide di passare ‘di qua’ perché ‘tutti sono di là’, è evidente che non ci sarà speranza di cambiamento. Per questo però serve tempo. Per cui, per non saper ne leggere ne scrivere, fate una cosa: scaricate Telegram e usatelo con chi ce l’ha. Con gli altri, continuate con Whatsapp. Prima o poi smetteranno di mordersi la coda…

 

 

2 Comments

  1. Io preferisco cmq Telegram (ed ho anche WA), il problema è che la gente nemmeno prova ad averle entrambi per poter fare un paragone, forse sarà solo questione di tempo, Telegram si sta affermando molto ultimamente a tutti i livelli soprattutto grazie ai suoi utili BOT.

    Reply
  2. visitate il canale @ProgressTelegram riporta diverse notizie sull’app.

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>