Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Aziende / Beni comuni / in evidenza / Innovazione / Marketing

Google Car con riconoscimento bambini: inizia la scalata Usa

Google Car con riconoscimento bambini: inizia la scalata Usa
1 minuti di lettura

In Italia, magari, non arriveranno mai (o arriveranno molto tardi). Negli Usa però le Google Car iniziano a diventare qualcosa di percepito: Big G punta molto sulla sua automobile senza pilota e negli States sono già presenti 48 Google Car che ogni giorno effettuano test anche estremi per evitare incidenti ed aumentare la sicurezza stradale.

Le Google Car negli Usa hanno già percorso oltre 2 milioni di km in autonomia e 1,5 milioni di km guidate da un conducente, in Texas e California. L’ultima novità riguarda il riconoscimento dei bambini: le Google Car si comportano diversamente in prossimità di una figura che sia compatibile con quella di un bambino.

La sperimentazione è nata in occasione della festa di Halloween, lo scorso 31 ottobre, quando Google ha spiegato di aver colto l’occasione per insegnare alle Google Car a riconoscere i bambini, anche se sono mascherati. Google ha anche chiesto appositamente ad alcune famiglie di andare in giro per strada in prossimità delle sue auto, in modo tale che i sensori potessero imparare a riconoscere i più piccoli, anche se mascherati.

Bene, i test sono stati molto incoraggianti e Google è riuscita addirittura a migliorare il software di riconoscimento in modo da effettuare frenate di emergenza oppure deviazioni nel caso in cui un bambino attraversi la strada improvvisamente.

Le Google Car dovrebbero migliorare ulteriormente permettendo anche al programma interno di riconoscere le zone dove sono presenti scuole per ridurre la velocità oppure attivare ulteriori sensori per il rilevamento di bambini.

Infine, Google ha confermato le notizie che alcuni dei suoi veicoli Lexus che si guidano da soli, che hanno già fatto prove su strada, hanno avuto incidenti. La società ha ammesso che nel corso degli ultimi sei anni le sue macchine intelligenti sono state coinvolte in 11 incidenti “minori”, replicando che non ci sono stati feriti, e che la colpa non è stata dei suoi veicoli che si guidavano da soli e che certi incidenti semplicemente non possono essere evitati.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register