Vere smart city: le 20 citta’ del mondo che hanno sposato l’innovazione (l’Italia non c’e')

Scritto da:     Tags:  ,     Data di inserimento:  31 luglio, 2015  |  Nessun commento
31 luglio, 2015
Michele-Vianello-startup-innovazione-1024x768

Visite: 3014

Da tempo sostengo che la competizione economica e sociale non avviene più tra gli stati nazionali. Nell’epoca della “rivoluzione delle macchinela competizione avviene tra i diversi sistemi territorialiCompas ha elaborato una classifica per individuare le città che favoriscono, grazie alle loro politiche, la nascita dell’innovazione e delle imprese innovative.

Come capirete questo studio di Compass esce dalla solita visione sulle smart city. Aggiunge un tassello prezioso. La capacità di un territorio di innovare è, a tutti gli effetti, un fondamento essenziale della smartness di un territorio.

A queste politiche concorrono tutti i diversi soggetti che compongono la “governance cittadina”. Il Sindaco è un soggetto fondamentale, ma non è l’unico soggetto che determina la smartness di una città. Alcuni parametri individuati da Compass come la presenza di capitali di rischio, un qualificato capitale umano, un tessuto imprenditoriale all’altezza, fanno la differenza.

Tra i 20 primi sistemi territoriali innovativi individuati da Compas non c’è nessuna città italiana.

medium_Screen_Shot_2015-07-26_at_10.55.29_PM

Vorrei evitare da subito i soliti lamenti e le rimasticate ironie dei #guridigitali. Se è per questo, tra le prime 20 città, mancano molte città del mondo, a partire da quelle spesso inneggiate a sproposito su Facebook.

Questo post (oltre a motivi culturali) serve solo come incitamento alle nostre amministrazioni locali, ma anche agli Imprenditori perché riflettano sui nuovi asset innovativi necessari a un territorio. Non aspettatevi nulla dall’eccesso di legislazione digitale nazionale, il destino dell’innovazione si fa prima di tutto sui territori.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: