Apps & Mobile / in evidenza / Marketing

iPhone 6S gemello di iPhone 6: prime foto online

iPhone 6S gemello di iPhone 6: prime foto online
1 minuti di lettura

Dopo la scocca, ecco il frontale: giorno dopo giorno arrivano informazioni e, in questo caso, immagini precise su iPhone 6S, il nuovo Melafonino in uscita a settembre 2015 su questi schermi.

Dalle fotografie più recenti, mostrate dal portale francese NoWhereElse, e che mostrano il pannello frontale, comprensivo di vetro esterno e fori per capsula auricolare e tasto Home, si capisce bene che iPhone 6s sarà identico a iPhone 6, almeno esteticamente parlando. Le foto riguardano iPhone 6s a 4.7 pollici, ma ciò riguarderà anche iPhone 6s Plus, la variante con schermo da 5.5 pollici.

Il tutto comunque non stupisce: del resto la versione “S”, anche per il precedente iPhone 5S, è sempre stata un miglioramento tecnologico della versione ‘piena‘: per vedere modifiche più importanti bisognerà attendere iPhone 7 nel 2016.

Ma la vera domanda riguarda la memoria storage: tutti si chiedono se, alla fine, con la generazione iPhone 6S Apple eliminerà dal mercato la versione da 16GB. La versione base, come per i principali quella da 32GB tornerà e sarà la più economica, probabilmente da 729 euro come di recente.

Il resto ormai è risaputo: sistema operativo sarà ovviamente iOS9, presentato in contemporanea al device. Il processore, di marca Samsung, sarà un A9 potenziato. La memoria RAM sarà di almeno 2GB (difficile si passi a tre) e anche la fotocamera subirà un aggiornamento, passando dai classici 8 megapixel a 12MP, mentre il sensore anteriore sarà da 8MP con flash.

Una delle novità di rilievo di iPhone 6S è senza’altro rappresentata dalla tecnologia Force Touch, già implementata su Apple Watch e MacBook Pro. Il sistema Force Touch trasforma un comune display touch in uno schermo dinamico, capace cioè di recepire il differente livello di pressione delle dita.

L’intensità della pressione esercitata sullo schermo suggerirà al dispositivo un comando piuttosto che un altro; gli utenti potrebbero per esempio regolare la velocità di riproduzione di un video, vedere l’anteprima di un file, richiedere il significato o la traduzione di un vocabolo sottolineato utilizzando le proprie dita in modo più o meno deciso. Novità in vista anche per il chip dei pagamenti Nfc.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>