Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / Aziende / in evidenza / Innovazione / Marketing / Prodotti e aziende

Ricordati i tuoi ricordi: se ti dimentichi, ci pensa Google con Timeline

Ricordati i tuoi ricordi: se ti dimentichi, ci pensa Google con Timeline
1 minuti di lettura

Geniale anche se non propriamente pioneristico, il brevetto Google per rivivere i ricordi più belli è qualcosa che stuzzica la fantasia di tutti. Pensiamo, ad esempio, a giornate meravigliose, che vorremmo portare sempre con noi anche se non abbiamo scattato molte foto.

Bene: anche se lo smartphone non è stato utilizzato per scattare foto o fare video, potremo rivivere quei ricordi lo stesso, su tablet o pc. Come? L’idea è contenuta in un brevetto di Google, che ha immaginato la possibilità di registrare, attraverso dispositivi indossabili come i Google Glass, filmati poi trasmessi allo smartphone e da qui memorizzati sulla nuvola. In seguito basterà fare una ricerca, ad esempio “Ferragosto“, per rivivere i ricordi.

La funzione, denominata “Timeline”, ci consentirà di vedere tutti gli spostamenti fatti in passato. Potremo infatti formulare domande di cui non sappiamo o non ricordiamo più la risposta, ad esempio “Quanti bagni ho fatto in vacanza in Sardegna”, o  “Che musica ho ballato alla festa di ieri sera?”.

E ancora, “Chi erano le persone al pranzo di lavoro di oggi?”, “Quanti libri ho letto a maggio?”. Google punta ad offrire non solo la possibilità di rivivere bei ricordi come quelli legati a un viaggio, ma anche un aiuto sul lavoro e più in generale nella quotidianità, quando la memoria fa cilecca.

C’è poi un altro tipo di utilizzo, che però fa scattare qualche perplessità a livello di privacy, ed è quello secondo cui Google starebbe lavorando a una versione aziendale dei suoi Glass, riguarda le riprese fatte da più persone. Ad esempio un gruppo di guardie di sicurezza che registra mentre è al lavoro. In seguito si potrà chiedere di visualizzare tutti i volti che sono stati inquadrati da tutte le guardie in un orario preciso, così da poter individuare, ad esempio, l’autore di un crimine.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register