Agenda Digitale / Blogger / Capitale sociale / Cultura digitale / Egovnews / Innovazione / Marketing / Smart City

Le sei regole da rispettare per realizzare community smart

Le sei regole da rispettare per realizzare community smart
3 minuti di lettura

Nella promozione di attività di coinvolgimento (engagement) della popolazione nella vita cittadina (o aziendale) attraverso i social e il web ci sono alcune regole semplici da rispettare. Ad esempio, in queste settimane nel Comune di Capannori sto realizzando (grazie ad una amministrazione avveduta e a dipendenti entusiasti) una attività di marketing territoriale fondata sul coinvolgimento dei cittadini e dei turisti.

Può sembrare una semplice attività. Così non é. A monte bisogna decidere di incentivare l’attività di coinvolgimento dei cittadini nella narrazione dei valori positivi di una città. Si abbandona quel “luogo comune” che fa si che la partecipazione dei cittadini alla vita di un territorio si fondi sulla denuncia di ciò che non va.

Michele Vianello digitale 2

Va inoltre abbandonata l’idea predominante in questi anni secondo la quale é il “digitale” ciò che contraddistingue la rivoluzione in atto. Non é così, é la capacità/possibilità dei cittadini di utilizzare tutte le potenzialità offerte dalle “macchine” a determinare il successo della rivoluzione. Non sono le macchine ad essere smart. Sono milioni di attività delle persone ad essere smart. Tuttavia, per essere efficaci, queste attività devono essere messe in rete.

Michele Vianello digitale 3

Qui entrano in gioco alcune semplici regole che, se applicate, fanno si che i cittadini partecipino a questa attività in modo consapevole. La prima regola dice che i cittadini (i consumatori) devono partecipare ad una attività che “abbia un senso”, che li sfidi positivamente. È il caso di #MyCapannori, di #EffettoCapannori. Una campagna di storytelling alla quale si chiede ai cittadini di partecipare.

Michele Vianello digitale 4

La seconda regola é il valore fondante di ogni attività di “alfabetizzazione digitale”. Non basta insegnare l’utilizzo dei social network (o di altri strumenti). Ciò che va condiviso é la capacità di raccontare utilizzando strumenti inediti attraverso i quali lo “scritto” si fonde con la fotografia, con l’immagine, con il filmato. Ma, soprattutto le persone vanno educate al valore della condivisione.

Michele Vianello digitale 5

La terza regola suggerisce che l’epoca del web é contraddistinta dalla molteplicità dei racconti. Sono racconti complessi (ad es. uno Storify), sono racconti semplici (ad es. un frame che però racconta, dipinge, una emozione unica). L’uso dei tag e degli hashtag è fondamentale per farsi trovare e per poter condividere e dialogare.

Michele Vianello digitale 6

La quarta regola é una conseguenza della precedente. Ogni racconto, per avere un senso, necessità di una trama. Non può essere un somma confusa di momenti e di impressioni. La novità é che la trama deve essere flessibile, frutto del contributo di migliaia di persone, senza che divenga “cacofonia” e “confusione”. La regia partecipativa é fondamentale.

Michele Vianello digitale 7

La “Regia partecipativa” ha bisogno (si fonda) di regole precise. In questa fase ci aiuta la cultura sulla quale si basano tutti i giochi. I giochi si basano su regole precise, sulla figura del master, su un premio finale. Infatti, l’engagement dei giocatori necessita di un premio. L’engagement dei clienti o dei cittadini -anche se il gioco si svolge sul web- propone un premio finale. Il premio può essere una semplice scatola di biscotti “Oreo”, l’apparire in una galleria di immagini, un bonus civico. Questa é la regola numero cinque.

Michele Vianello digitale 8

Infine la sesta regola. Va dichiarato l’obiettivo del gioco. Lo svolgersi non può essere affidato alla spontaneità. Ogni attività, per avere successo, deve avere un inizio e una fine stabiliti temporalmente, deve avere degli obiettivi quantitativi (e qualitativi) facilmente tracciabili e individuabili. Nel mondo social sono i partecipanti alla community a stabilire il vincitore.

Michele Vianello digitale 9

 

TRATTO DA MICHELEVIANELLO.NET

Foto del profilo di Michele Vianello
Ex Direttore Generale di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, imprime una forte impronta di innovazione IT nel territorio veneziano e veneto, sperimentando e attuando, a favore della crescita tecnologica e della competitività delle imprese, modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo “Enterprise 2.0”, nuove modalità di marketing “Web 2.0”, le più avanzate soluzioni tecnologiche e piattaforme di eccellenza. La sua carriera politica ha inizio nel 1997 come Vice Sindaco nella sua città natale: Venezia. Deputato della Repubblica dal 2001 al 2005, rientra a Venezia, braccio destro del Sindaco Cacciari alla guida della città lagunare, fino a ottobre 2009. In quattro anni promuove un cambiamento radicale nell’organizzazione della macchina comunale e nell’interazione tra PA e cittadini, con l’adozione delle filosofie gestionali “Web 2.0” e “Amministrare 2.0”. E’ ideatore delle politiche del Comune di Venezia in materia di banda larga e connettività wi-fi: con il progetto “Cittadinanza digitale” ha reso Venezia la prima città d’Italia completamente digitale, con connessione Internet wi-fi gratuita per tutti i residenti nelle piazze, biblioteche e uffici pubblici; con il portale “Venice Connected”, che intermedia decine di migliaia di ordini, ha contribuito ad innovare la gestione dei flussi turistici della città. Numerose le relazioni, gli scritti e le interviste di natura specialistica rilasciate su riviste e quotidiani. Nel 2010 pubblica il libro “VE 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete” edito da Marsilio Editori. Ad aprile 2010 è stato insignito del prestigioso premio nazionale “La città dei cittadini – Cineca Award 2010”, quale personalità che si è più distinta in Italia nello sviluppo di progetti che favoriscono la comunicazione tra Istituzioni e cittadini, in particolare nell’erogazione di servizi tramite le nuove tecnologie web.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>