Google Play Music streaming gratis come Spotify: ecco come funziona

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  24 giugno, 2015  |  Nessun commento
24 giugno, 2015
Google-Play-Music-albums

Visite: 3883

Anche Google si infila a capofitto: inserendosi nella ‘guerra fredda’ tra Spotity e Apple, che offrono musica gratis online piena zeppa di pubblicità a corredo, arriva Google Play Music, a conferma della volontà di Big G di intensificare la sua scarsa presenza nel mercato musicale legato allo streaming.

Google Play Music è gratuita ma, come le altre ‘rivali’, piena di spot commerciali: meglio precisare subito che la novità è di poche ore fa e riguarda esclusivamente il mercato statunitense. In Italia infatti anche solo per la riproduzione delle sue 30 milioni di tracce audio bisogna pagare 9.99 euro al mese (servizio Play Music in arrivo dal 30 giugno).

Google Play Music non inventa niente rispetto al classico schema della musica in streaming con pubblicità: il flusso di ascolto audio viene interrotto da spot ogni tre o quattro tracce. Sono disponibili diverse playlist tematiche e ci sono anche “stazioni radio” che prevedono il coinvolgimento di esperti.

Esattamente come per Spotify, sarà dunque possibile assistere ad un’offerta diversificata dove l’utente potrà decidere se fruire di contenuti musicali in modo gratuito, sopportando la presenza di spot e inserzioni, oppure se votarsi al consueto abbonamento ed interrompere così ogni forma di interruzione tra un brano e l’altro.

Ovviamente gli utenti possono procedere con un ascolto più mirato, navigando tra elenchi di artisti, album, generi, eccetera. Per quel che riguarda l’applicazione mobile, Google Play Music presenta diverse novità: sui dispositivi Android si passa infatti alla versione 6.0, per la quale sono state aggiunte le sezioni già presenti sull’interfaccia desktop (come da screenshot visibili di seguito) ed è stato introdotto il supporto alla sincronizzazione della musica con gli smartwatch basati sulla piattaforma Android Wear.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: