HomeToGo: il piu’ grande motore di ricerca per le case vacanza

Scritto da:     Tags:  , , , ,     Data di inserimento:  16 giugno, 2015  |  Nessun commento
16 giugno, 2015
HomeToGo

Visite: 3559

HomeToGo è il più grande motore di ricerca per le case vacanza, agriturismi, appartamenti, b&b e tutto ciò che riguarda lo short term disponibile sul web.

HomeToGo raccoglie e raggruppa tutte le offerte in un unico sito, ricercando le offerte tra le più piccole agenzie specializzate e i più grandi portali con un solo click! In questo modo l’utente non deve visitare decine di siti web per trovare la casa più adatta alle sue esigenze. HomeToGo permette anche di confrontare per la medesima proprietà i prezzi provenienti dai diversi provider, riuscendo a far risparmiare fino al 40% sul costo della prenotazione.

Lanciata dapprima in Germania nell’aprile 2014, dove è nata e si è sviluppata grazie alle risorse provenienti dai primi angels (maggio 2014) e recentemente in febbraio, dopo aver ottenuto un secondo finanziamento, è iniziata l’internazionalizzazione. Dopo la versione tedesca, oggi sono online la versione francese (.fr), inglese (.co.uk) e polacca(.pl). Dall’8 giugno è online la versione in italiano (Spagna, Olanda, Croazia e Stati Uniti saranno i prossimi mercati di espansione). Oggi in HomeToGo lavorano più di 50 persone guidate da Wolfgang Heigl, in precedenza founder del motore di ricerca per i voli Swoodoo (poi acquistata da Kayak), Nils Regge, in passato founder del portale per case vacanze Casamundo, e il CEO Patrick Andrä, prima direttore dell’area business development per Home24.

Ad oggi HomeToGo conta più di 2.5 milioni di proprietà, da più di 150 siti partner, in oltre 200 nazioni.

Come Funziona

Risparmia fino al 40% confrontando le offerte di oltre 150 siti. L’utente dopo aver selezionato la destinazione, aiutato anche dall’inserimento automatico, e le date di interesse può restringere la ricerca selezionando i numerosi filtri. I risultati ottenuti comprendono prezzi, numerose foto, descrizioni dettagliate, feedback degli utenti, posizionamento sulla mappa interattiva, link e logo del provider.

Quando l’utente avrà deciso la soluzione più adatta alle proprie esigenze e vorrà procedere con la prenotazione sarà reindirizzato sul sito che offre tale sistemazione, l’utente così potrà prenotare direttamente sul sito dove l’offerta è stata pubblicata inizialmente, senza costi aggiuntivi.

Da oggi anche gli italiani non dovranno fare ricerche “scientifiche” per andare in vacanza!

Lascia un commento