Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / Aziende / Beni comuni / in evidenza / Innovazione / Marketing

UberPop, 10 giorni per dirci addio tra ricorsi e polemiche del Codacons

UberPop, 10 giorni per dirci addio tra ricorsi e polemiche del Codacons
1 minuti di lettura

Tra nove giorni UberPop sarà ufficialmente illegale in Italia, in virtù dell’ordinanza del Tribunale di Milano (sospensione cautelare e urgente) che ha vietato il servizio di ‘taxi’ ibrido, in crescita esponenziale ai tempi dell’Expo 2015.  Lo stop di UberPop, in tutta Italia, dovrà scattare entro il 9 giugno per “concorrenza sleale”, oppure scatterà un’ammenda da 20mila euro per ogni giorno di ritardo.

Mentre sono già partiti i reclami dei legali di Uber ed è insorto anche il Codacons, scagliatosi contro i tassisti, va rilevato che l’ordinanza su UberPop è arrivata proprio in concomitanza con l’escalation di un servizio che, in piche settimane, ha visto un centinaio d’iscrizioni direttamente dal sito mentre i fruitori sono impennati del 119% rispetto a febbraio, del 100% se confrontati a gennaio.

Nelle cinque città italiane (Genova, Milano, Torino, Padova e Roma) in cui è presente Uber, rimarranno attivi i servizi Black e Van, svolti da autisti con autorizzazione all’esercizio del servizio di ncc, mentre oggi solo a Roma (unica città dove Uberpop non è mai stato attivato) c’è la possibilità di prenotare un pasto a base di sushi con consegna a domicilio, utilizzando un’icona creata apposta sull’app.

Intanto l’Antitrust, subito interpellata, ha fatto apere che la “materia non è di competenza dell’Autorità, ma del giudice ordinario“, aggiungendo anche che “Internet rappresenta un grande fattore di sviluppo economico che non può essere fermato, ma occorrono regole per definire soluzioni equilibrate fra i vari interessi in gioco“.

Il Codacons, invece, si schiera dalla parte di UberPop, definendo l’ordinanza “un danno enorme per gli utenti, perché limita la concorrenza e riduce le possibilità di scelta per i cittadini. È impensabile che un paese moderno possa essere privato di sistemi innovativi come Uber, che rispondono ad esigenze di mercato”.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register