Digital transformation nel settore ICT: aziende a confronto nel Forum di Grandangolo

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  22 maggio, 2015  |  Nessun commento
22 maggio, 2015
forum_it_grandangolo

Visite: 1944

E’ tornato in Romagna, a Riccione, il Forum IT di Grandangolo Communications, 16ma edizione dell’incontro annuale tra stampa e aziende svoltosi lo scorso 15 maggio, per analizzare le tendenze in atto e le prospettive del settore ICT.

Quest’anno, il tema dominante su cui si sono sviluppati i vari confronti è stato quello legato alla “digital transformation“, elemento che sempre più spinge le organizzazioni a sfruttare a pieno le nuove piattaforme e gli strumenti innovativi in ambito ICT, per migliorare l’efficienza operativa dei propri processi di business.

La trasformazione però, impone anche alle aziende produttrici un vero e proprio cambiamento nella comunicazione e promozione dell’offering, richiedendo sempre più casi di successo su quanto le soluzioni e i servizi possano rispondere alle sfide degli imprenditori.

Si parla molto di Social Media, Big Data, Mobility, Servizi Cloud ma anche di Smart City, la tecnologia applicata ai servizi delle città per le infrastrutture wireless, traffico, sicurezza, servizi ai cittadini e così via. I manager vedono le nuove tecnologie come un’opportunità per innovare, incrementare l’efficienza e assicurare una user experience di qualità, in un mercato altamente competitivo.

Ma qual è la situazione per le aziende italiane? Quali le prospettive? I manager partecipanti sono stati impegnati in tavole rotonde dedicate a snocciolare punti di forza, sfide e difficoltà affrontate quotidianamente nel confronto con le esigenze di mercato, con una specifica attenzione a come supportare l’innovazione e l’evoluzione tecnologica che agevoli quel rinnovamento indispensabile, cercando di indirizzare gli imprenditori nella maniera più corretta per aumentare la competitività e sviluppare il business.

Più in dettaglio, le aziende del comparto ICT intervenute al Forum IT sono state: Brocade, leader nelle soluzioni di networking ad alte prestazioni, dai data center enterprise fino a service provider; Centro Computer, società specializzata nella progettazione e commercializzazione  di soluzioni di virtualizzazione, cloud, networking, sicurezza, UC e digital signage; Emerson Network Power, divisione di Emerson che fornisce software, hardware e servizi destinati a massimizzare la potenza e l’efficienza dei data center; MHT, realtà consulenziale che, grazie al know-how funzionale e tecnologico, è diventata un punto di riferimento per i sistemi gestionali ERP e CRM; Panda Security, leader nello sviluppo e nella commercializzazione di soluzioni di sicurezza, di content security e di gestione, tradizionali e cloud, dei sistemi informativi; Riverbed Technology, l’application performance company che assicura una piattaforma per ottimizzare e consolidare l’IT; SinTau, nuova realtà nel panorama ICT specializzata nella progettazione e realizzazione di soluzioni innovative in ambito networking e IoT, e Zycko, filiale italiana del VAD Europeo specializzato in prodotti e soluzioni IT.

La mattinata si è aperta con un’overview del mercato distributivo ICT da parte di Isabel Aranda, country manager Italy di Context, società specializzata nell’analisi delle performance di vendita in Europa. I dati presentati hanno evidenziato una crescita del 2,6% con un valore di 14 miliardi di euro nel primo trimestre 2015, con l’Italia che è cresciuta del 13,4% contro una media europea pari al 7% e che continua a mettere in evidenza i settori delle telecomunicazioni (+112%), del data center networking & security (+27%) ed infine quello legato ai server (+16%). In continuo calo invece il comparto legato agli investimenti sui sistemi operativi, le applicazioni office e le licenze software.

Il primo a commentare è stato Paolo Lossa, Regional Director di Brocade Italia e Iberia:  “Oggi non è più possibile per il data center evitare l’inevitabile, provando a ottenere il massimo dalle infrastrutture legacy. Sono necessari cambiamenti fondamentali per prepararsi al futuro e per valutare le future esigenze, le aziende e i decision maker IT devono riconoscere alcuni elementi significativi che accelerano l’evoluzione dei data center. Nei prossimi anni prevediamo che il Software Defined Networking (SDN) e la Network Functions Virtualization (NFV) diventino parte di un cambiamento più ampio e generale verso reti IP virtualizzate allo stato dell’arte, che promettono risparmi reali su costi capex e opex. Il New IP di Brocade, un approccio olistico al networking, include un cambiamento distante dalle performance, in direzione di agilità e usabilità, in quella che è la più grande evoluzione del networking in oltre un decennio”.

La chiave per rafforzare la competitività di un’azienda è puntare sugli investimenti in IT – afferma Roberto Vicenzi, Vice Presidente di Centro Computer –. L’attuale scenario comporta una trasformazione del ruolo del CIO, che diventa anche promotore di innovazione in tutti i processi di business. Per supportare le organizzazioni in questa evoluzione, mettiamo a disposizione team specializzati sulle aree strategiche del cloud, software defined data center, networking e sicurezza, print management e unified communications. I team rappresentano il cuore pulsante del business e i punti di forza della società. I nostri professionisti, infatti, sono in grado di individuare le priorità del cliente e proporre soluzioni di successo, costruite su misura per le sue necessità

In un settore che cambia rapidamente, emerge una continua richiesta di innovazioni e come Emerson siamo in prima linea nell’offrire soluzioni per i data center – sottolinea Emiliano Cevenini, Vice President Sales AC Power di Emerson Network Power EMEA -. In base all’indagine “Data Center 2025”, da noi condotta su oltre 800 professionisti, si delinea un trend caratterizzato da un inferiore bisogno di energia per produrre lo stesso livello di capacità di elaborazione disponibile oggi. I sistemi statici di continuità ad elevata efficienza saranno quindi la principale fonte di energia di riserva e gli UPS di nuova generazione, come Trinergy Cube, garantiscono un’efficienza operativa media del 98,5 percento, assicurando la massima flessibilità e disponibilità.”

Cristina-Rebolini_Emerson

Migliorare l’efficienza e la disponibilità delle infrastrutture critiche riducendo i costi operativi, grazie alle soluzioni di alimentazione, condizionamento e ai servizi di controllo e gestione dei data center – prosegue Cristina Rebolini, Channel Sales Director di Emerson Network Power Italiaquesta è la nostra mission e continueremo ad operare per rispondere a tutte le esigenze delle aziende”.

Di fronte a questo scenario di rapida e continua trasformazione del business – dichiara Franco Coin, Amministratore Delegato e socio fondatore di MHTl’ICT è diventato la struttura pervasiva ed ubiqua dello sviluppo del business, cioè la commodity essenziale dell’innovazione complessiva. Il mercato è dinamico e globale e le aziende cambiano naturalmente a causa di fenomeni quali delocalizzazione produttiva, mobilità e digitalizzazione. Si evolvono, di conseguenza, anche le esigenze, perché è fondamentale garantire l’interscambio informativo tra attori di varia natura e geografia, oltre ad abilitare e connettere rapidamente filiali in tutto il mondo. Tutto ciò si ripercuote inevitabilmente sui sistemi, con la necessità di soluzioni gestionali totalmente integrate nei processi per snellirli e migliorare l’efficienza, ma soprattutto ora anche in grado di facilitare e talvolta indirizzare i manager nei processi di evoluzione”.

Panda ritiene che da qui a cinque anni avremo venti miliardi di device, tre per ogni abitante del pianeta, connessi alla rete e in grado di scambiarsi informazioni e la sicurezza degli apparati dovrà essere realizzata anche mediante hardware progettato ad hoc. “Siamo stati pionieri e continuiamo a essere visionari nell’erogazione di servizi SaaS, al fine di proteggere qualsiasi device connesso alla rete, sia esso individuale o parte di un network corporate” commenta Alessandro Peruzzo, Amministratore Unico di Panda Security Italia.

È recente la notizia di una nota casa automobilistica che ha richiamato oltre due milioni di vetture – sottolinea Antonio Falzoni, Product Marketing Manager di Panda Security Italiaper ripristinare il sistema informatico e risolvere una vulnerabilità che avrebbe consentito a un hacker di ottenere l’accesso a una o tutte le “Connected Car” di un determinato modello e di una specifica area geografica, per modificarne i parametri di funzionamento, dallo sblocco delle porte all’azionamento dei freni“.

In un mondo fatto di budget limitati e di tecnologie in continuo cambiamento, è fondamentale che le imprese riducano i costi operativi e incrementino l’agilità, mentre per i produttori IT è importante focalizzarsi sulla propria proposta, per essere in grado di garantire soluzioni performanti, interoperabili, che soddisfino le esigenze delle organizzazioni” evidenzia Valter Villa, Country Manager di Riverbed Technology Italia.

In Italia, siamo ancora in una fase incerta – dichiara Pietro Centoletti, Socio Fondatore e Direttore Tecnico di SinTauma noi ci posizioniamo sul mercato come produttori di soluzioni di proprietà in ambito M2M e IoT all’avanguardia, frutto di continui investimenti nelle attività di Ricerca & Sviluppo, svolta anche in collaborazione con università e centri di ricerca italiani. La nostra expertise ci consente di proporre alle aziende e al consumatore finale, un prodotto ottimizzato per i processi produttivi e rispondente ai requisiti definiti, in particolare in termini di prestazioni, costo di manifattura e time to market.” “Il costante impegno di SinTau – prosegue Ercole Tina, Direttore Commerciale di SintTau – ha portato alla realizzazione di due innovative soluzioni, specificatamente orientate alla PAL e alle società di servizi, pensate per favorire l’evoluzione e l’affermazione delle Smart City. Si tratta di un sistema di concentrazione dedicato all’Energy Monitoring System, denominato Gropius, e di un sistema di condivisione dell’accesso WAN, denominato SHAWL”.

Zycko, unico distributore presente al Forum IT 2015, amplifica valore e risorse tecnologiche con i Professional Services. “Le nostre caratteristiche si basano su tre pilastrievidenzia Piera Loche, Managing Director di Zycko Italyassicuriamo innovazione per il canale IT, offriamo soluzioni testate e pronte per l’implementazione e siamo specializzati nelle tecnologie che distribuiamo. Le iniziative confermano il costante impegno nel promuovere soluzioni che consentano alle aziende di eliminare i costi di infrastruttura, di implementazione e la gestione di nuovi servizi, attraverso l’organizzazione di eventi, webinar e supporto a 360 gradi. Continueremo a impegnarci per assicurare il completo sostegno sul territorio organizzando anche iniziative di lead generation che possano promuovere le soluzioni dei vendor in modalità all inclusive, partendo dall’identificazione degli utenti, fino alla gestione dell’agenda per fissare gli appuntamenti con i nostri partner” conclude Loche.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: