Spotify se ne frega di Apple e punta YouTube: pronto lo streaming video. Ecco come funzionera’

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  10 maggio, 2015  |  Nessun commento
10 maggio, 2015
spotify_preview

Visite: 1213

Altro che rischio chiusura, quelli di Spotify se ne ‘strafregano’ delle richieste di Apple sulla musica streaming online gratuita e raddoppiano, pensando ad entrare nel mercato dei video online con un preciso piano in corso di studio.

Secondo i più informati, questo progetto sarà presentato da Spotify il prossimo 20 maggio nel corso di un evento a New York: per quella data l’azienda ha infatti invitato alcuni tra i più importanti esponenti della stampa internazionale.

La fonte del rumor, rimasta anonima ma ritenuta affidabile, non è stata diffusa dal Wall Street Journal ma parla di accordi già siglati con chi produce i contenuti, sia per l’acquisizione dei filmati che per la realizzazione di serie originali.

Questa storia dei video online di Spotify, quindi, sarebbe già ‘parecchio’ avviata visto che si parla delle modalità attraverso le quali gli utenti potranno effettuare l’accesso al catalogo: di fatto si seguirà la strada della musica online, con poche limitazioni per gli account gratuiti, chiamati però con tutta probabilità a riprodurre di tanto in tanto alcune inserzioni pubblicitarie.

Giova ricordare che Spotify, con 60 milioni di utenti a gennaio, dei quali 15 milioni pagano 10 dollari al mese per un servizio premium privo di pubblicità, deve ancora trarre dei veri profitti per il 2015.

Come funziona Spotify

Spotify è il servizio di musica in streaming più famoso al mondo, che permette di accedere a migliaia di brani musicali (italiani e internazionali di qualsiasi epoca) da computer, smartphone e tablet senza dover acquistare singolarmente canzoni o album.

Spotify è disponibile per Windows, Mac OS X e tutte le principali piattaforme mobile. La sua versione di base è completamente gratuita, grazie al supporto delle pubblicità, ma per sfruttare appieno tutte le sue funzioni (e liberarsi delle interruzioni pubblicitarie) occorre sottoscrivere un abbonamento mensile che costa 9,99 euro.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: