Sindaci, usate i social network cosi’! 11 consigli

Scritto da:     Tags:  , , , , , ,     Data di inserimento:  22 marzo, 2015  |  Nessun commento
22 marzo, 2015
condivisione_totale

Visite: 2673

Ho visto alcune autorevoli sollecitazioni ai sindaci affinché utilizzino i social network. È un’ottima proposta, a condizione che i social network vengano utilizzati in un modo corretto. Viceversa, il Sindaco sarà “alla moda”, sarà molto digitale, ma il suo messaggio comunicativo avrà scarsissimo valore.

Sulla base delle attività di alfabetizzazione digitale che svolgo in molte parti d’Italia e delle esperienze che ho maturato, mi permetto di avanzare ai Sindaci (alle Amministrazioni) che intraprendono la via del digitale 11 consigli.

Come mio costume ho tradotto poi i consigli in immagini. Le slide le potete scaricare da SlideShare.

  • Non puoi creare una tua presenza sui social network e contemporaneamente mantenere un sito istituzionale dell’Amministrazione “chiuso” e “analogico”. Se sei social, lo sei in ogni luogo del web. Social é la tua struttura organizzativa e il modo con cui eroghi i servizi.
  • Ricordati sempre: il Comune é una Istituzione dello Stato. La presenza social del Comune va gestita secondo regole e con linguaggi propri di una Istituzione. Ciò non vuole dire che il messaggio debba essere noioso e non interessante.
  • Ricordati sempre: caro Sindaco, la pagina (il tuo account, il tuo profilo) che racconta la tua attività istituzionale non va condivisa con i compleanni dei figli e gli animali domestici. Purtroppo non sei Obama.
  • La gestione dei social network non può essere il frutto di improvvisazione. Deve essere il frutto di una strategia ben precisa. Non può essere affidata all’URP, alla segretaria del Sindaco, ai “volonterosi giovanotti” o, peggio ancora, agli informatici. I dialoghi sul web vanno gestiti dai seri professionisti.
  • Twitter offre grandi opportunità di ascolto e di relazione con i cittadini. Poiché, caro Sindaco, non sei Lady Gaga, cerca di incentivare la ricerca dei following piuttosto che dei follower.

michele vianello-twitter-alfabetizzazione digitale

  • Se decidi di avere un canale su YouTube evita quei “patetici filmati” attraverso i quali in 30 minuti pretendi di spiegare, attraverso un monologo, i “destini del mondo”. Se totalizzi 30 visualizzazioni ritieniti fortunato.
  • Una Amministrazione può (direi deve) avere una propria pagina su Linkedin. Evitate tuttavia di trasformarla in una bacheca degli eventi. Linkedin, anche per le Amministrazioni pubbliche, può trasformarsi in una community di professionisti.
  • Facebook va tanto alla moda, ma é la “piazza del mercato” e sta peggiorando a vista d’occhio. Se decidi di sbarcare su Facebook devi avere tante buone ragioni e, soprattutto, preventivamente, affronta un problema: i dialoghi non sempre potrebbero essere “gradevoli”. In tutti i casi, per limitare le perdite, decidi per una Pagina “ben amministrata” a “dialoghi limitati”.

michele vianello-alfabetizzazione digitale-facebook

  • Su Google+ vedo postare dai Comuni “cose che voi umani…”. Evitate di postare su Google+ i comunicati degli uffici stampa. Ho qualche dubbio che Google+ venga frequentato dai giornalisti dei media tradizionali.
  • Per cortesia, evitate accuratamente di adottare le app destinate a segnalare ciò che non va nella vostra città. O la struttura del Comune é “social oriented” (e questo é, prima di tutto, un atteggiamento culturale), o l’innovazione prevista si trasformerà in un “tragico boomerang”.
  • Non é assolutamente obbligatorio andare su tutti i social network. Se non sei pronto, evita di farti del male.

TRATTO DA MICHELEVIANELLO.NET

I social network nella P.A.

I social network nella P.A.


Gianluigi Cogo , 2012, Maggioli Editore

La Pubblica Amministrazione, nel corso degli ultimi anni, si è trovata a rincorrere paradigmi e stili di vita associati al digitale, che tuttavia scarsamente ha compreso e raramente ha adottato.
Ora che la crisi, economico-finanziaria e istituzionale, impone rigore e ricerca di...


29,00 € 26,10 € Acquista

su www.libreriaprofessionisti.it


Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: