Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / Beni comuni / in evidenza / Innovazione / Marketing

Tutto buio, il sole se ne va: segui l’eclissi in streaming

Tutto buio, il sole se ne va: segui l’eclissi in streaming
2 minuti di lettura

Chi ha visto la prima serie di Heroes sa bene di cosa parliamo, ma probabilmente qui non si tratta di fare a meno di super poteri eccezionali, ma solamente di alzare gli occhi – con le adeguate protezioni, si intende – verso il cielo per curiosare e scoprire se il sole, effettivamente, si nasconde dietro un alone nero.

Se però non lo potete fare – non è che uno possa uscire dall’ufficio per vedere l’eclissi – c’è sempre l’eclissi in streaming: ai tempi di Internet e dei social network è forse anche più facile, visto che le diverse telecamere posizionate in tutto il mondo permettono anche di captare le diverse ‘ombrature’ dell’eclissi solare.

Eclissi solare: in Italia e nel mondo

In Italia l’eclissi solare sarà visibile come parziale, ma comunque con una buona percentuale di ombra sulla nostra stella. L’eclissi sarà visibile come totale (con copertura quindi dell’intero disco solare) per 2 minuti e mezzo circa, a seconda della regione, dalle isole Faer Oer e Svalbard, nell’Oceano Atlantico Settentrionale.

In Italia le regioni favorite per vedere l’eclissi dal vivo sono quelle del nord-ovest, in quanto meno lontane dalla fascia della totalità. In Italia l’inizio sarà alle ore 9 e 25 minuti, con pochi minuti di scarto da una località all’altra. Il termine si avrà intorno alle 11 e 40 e anche qui lo scarto da un sito all’altro è confinato a pochi minuti.

Proteggetevi!

Oculisti e oftalmologi sono convinti: bisogna proteggersi bene gli occhi per osservare l’eclissi solare sia parziale che totale. Si rischia infatti la cecità come avvenne per molte persone durante l’eclissi dell’11 agosto 1999.

Generici occhiali scuri, maschere per la saldatura, pellicole, radiografie, vetri affumicati e simili che non abbiano filtri certificati non schermeranno affatto l’azione dei raggi solari per le fragili membrane oculari, idem l’uso di mirini delle macchine fotografiche, telescopi amatoriali o binocoli.

L’eclissi in streaming e sui social

Il canale di riferimento è Virtual Telescope, dove attualmente è in corso l’eclissi in streaming. Potete anche ‘atterrare’ sui siti della NASA, oppure ammirare l’animazione virtuale del sito Time and Date per visualizzare l’andamento dell’eclissi durante tutta la sua evoluzione. Suggeriamo infine anche la sonda del portale dell’Esa che consentirà di ammirare l’eclissi in streaming da un punto di osservazione privilegiato, nello spazio.

Sui social siamo già in pieno delirio da eclissi. Su Twitter gli hashtag sono svariati: #Eclissi#EclissiSolare e #TotalEclipse. Su Pinterest appariranno in tutto il mondo le foto postate (buone per l’emisfero Sud che si perderà lo spettacolo!) mentre su Instagram si aprono già numerosi contest fotografici a premi sul giorno del Sole nero.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register