Pagamenti elettronici PA: le linee guida dell’Agid

Scritto da:     Tags:      Data di inserimento:  18 febbraio, 2015  |  Nessun commento
18 febbraio, 2015
pagamenti_elettronici_news

Visite: 3173

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha diramato le linee guida ufficiali per l’effettuazione dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di servizi pubblici. Si tratta di un documento molto importante perché comprende sia i riferimenti normativi che le procedure operative. Vediamo i punti salienti.

Destinatari

Per legge, devono accettare i pagamenti elettronici tutte le pubbliche amministrazioni italiane nonché le società interamente partecipate da enti pubblici o con prevalente capitale pubblico inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, così come individuate dall’Istituto nazionale di statistica.

Strumenti di pagamento

Per effettuare i pagamenti elettronici possono essere utilizzati due metodologie:

  1. bonifico bancario o postale ovvero il bollettino postale;
  2. versamenti effettuati con “carte di debito, di credito, prepagate ovvero di altri strumenti di pagamento elettronico disponibili, che consentano anche l’addebito in conto corrente

I pagamenti del punto 2 possono essere effettuati presso ATM o POS (fisici o virtuali) messi a disposizione dai prestatori di servizi di pagamento ovvero essere eseguiti autorizzando addebiti diretti da parte dell’utilizzatore finale.

Informazioni necessarie

Gli enti creditori mettono a disposizione dell’utilizzatore finale (pagatore o soggetto versante) sui propri siti web e sugli avvisi di pagamento le seguenti informazioni minime:

  • a) Denominazione dell’ente creditore;
  • b) Identificativo dell’obbligato (il pagatore);
  • c) Importo del pagamento dovuto;
  • d) Identificativo univoco di versamento e causale del versamento;
  • e) Identificativo del conto di pagamento sul quale versare le somme dovute (IBAN o conto corrente postale);
  • f) Scadenza (se prevista).

Effettuazione del pagamento

Le Linee guida non dettano specifici workflow procedurali che gli enti creditori possono definire in relazione ai procedimenti amministrativi correlati e che possono essere attivati sia dai siti web degli stessi enti creditori ovvero attraverso i servizi e le apparecchiature messe a disposizione dei prestatori di servizi di pagamento, fermo restando l’obbligo, fissato dal quadro normativo, di mettere a disposizione sul proprio sito web il codice IBAN o il codice di conto corrente postale e la causale di versamento contenente il codice “Identificativo Univoco di Versamento” (IUV).

SCARICA IL PDF COMPLETO DELLE LINEE GUIDE AGID SUI PAGAMENTI ELETTRONICI PA

Il commercio elettronico

Il commercio elettronico


Simona Ficola , Benedetto Santacroce , 2014, Maggioli Editore

Il volume è una guida completa sul commercio elettronico, di cui in particolare esamina il regime fiscale, concentrandosi principalmente sull'IVA, ma non trascurando le altre problematiche relative alla fiscalità diretta. Le fattispecie più complesse sono sintetizzate in tabelle di agevole...


38,00 € 34,20 € Acquista

su www.libreriaprofessionisti.it


Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: