Agenda Digitale / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing

Pagamenti elettronici PA: le linee guida dell’Agid

Pagamenti elettronici PA: le linee guida dell’Agid
1 minuti di lettura

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha diramato le linee guida ufficiali per l’effettuazione dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di servizi pubblici. Si tratta di un documento molto importante perché comprende sia i riferimenti normativi che le procedure operative. Vediamo i punti salienti.

Destinatari

Per legge, devono accettare i pagamenti elettronici tutte le pubbliche amministrazioni italiane nonché le società interamente partecipate da enti pubblici o con prevalente capitale pubblico inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, così come individuate dall’Istituto nazionale di statistica.

Strumenti di pagamento

Per effettuare i pagamenti elettronici possono essere utilizzati due metodologie:

  1. bonifico bancario o postale ovvero il bollettino postale;
  2. versamenti effettuati con “carte di debito, di credito, prepagate ovvero di altri strumenti di pagamento elettronico disponibili, che consentano anche l’addebito in conto corrente

I pagamenti del punto 2 possono essere effettuati presso ATM o POS (fisici o virtuali) messi a disposizione dai prestatori di servizi di pagamento ovvero essere eseguiti autorizzando addebiti diretti da parte dell’utilizzatore finale.

Informazioni necessarie

Gli enti creditori mettono a disposizione dell’utilizzatore finale (pagatore o soggetto versante) sui propri siti web e sugli avvisi di pagamento le seguenti informazioni minime:

  • a) Denominazione dell’ente creditore;
  • b) Identificativo dell’obbligato (il pagatore);
  • c) Importo del pagamento dovuto;
  • d) Identificativo univoco di versamento e causale del versamento;
  • e) Identificativo del conto di pagamento sul quale versare le somme dovute (IBAN o conto corrente postale);
  • f) Scadenza (se prevista).

Effettuazione del pagamento

Le Linee guida non dettano specifici workflow procedurali che gli enti creditori possono definire in relazione ai procedimenti amministrativi correlati e che possono essere attivati sia dai siti web degli stessi enti creditori ovvero attraverso i servizi e le apparecchiature messe a disposizione dei prestatori di servizi di pagamento, fermo restando l’obbligo, fissato dal quadro normativo, di mettere a disposizione sul proprio sito web il codice IBAN o il codice di conto corrente postale e la causale di versamento contenente il codice “Identificativo Univoco di Versamento” (IUV).

SCARICA IL PDF COMPLETO DELLE LINEE GUIDE AGID SUI PAGAMENTI ELETTRONICI PA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>