Beni comuni / in evidenza / Innovazione / Marketing / Social Innovation / Social Media

Ci mancava solo Facebook Legacy poi era veramente la fine

Ci mancava solo Facebook Legacy poi era veramente la fine
1 minuti di lettura

Effettivamente, sentivamo la mancanza di un erede digitale che potesse continuare le nostre ‘gesta’ anche dopo la nostra dipartita. A metà tra il macabro, il legale e l’evitabile, Facebook Legacy – per ora in funzione negli Usa, ma presto su tutti gli schermi europei – conferma quando siamo ormai social network dipendenti. Tanto da esserlo non “finchè morte non ci separi”, ma addirittura oltre.

facebook-legacy-contact

Questa funzione Legacy Contact, ribattezzata dagli esperti Cimitero Virtuale, consiste semplicemente nello stabilire, adesso che siete al mondo, cosa fare del vostro profilo dopo il decesso, ossia se cancellarlo definitivamente oppure se consegnarlo a un erede digitale che lo trasformerà in un account commemorativo.

No, non è uno scherzo. Poi c’è anche la ‘bega’ perché l’erede digitale potrebbe pure non accettare l’incarico, e allora via con la ricerca del ‘becchino’ digitale. Va beh, mettete che il designato accetti e il vostro diventi un account commemorativo. Cosa succederà?

Accanto al profilo comparirà la scritta “In ricordo di” (mamma mia!!), non saranno più segnalati suggerimenti di amici (ma perché?) e non vi saranno più sponsor pubblicitari. La pagina del profilo diventerà quindi una sorta di tomba virtuale sulla quale porre i propri omaggi testuali, fotografici, video per ricordarvi.

Per gestire il tutto, basterà recarsi al cimitero, ehm scusate, sulle Impostazioni del profilo, alla voce Sicurezza, e poi Legacy Contact. Attualmente in Italia la funzione Facebook Legacy non è disponibile: i fautori del servizio, oltre che permettere l’automatica distruzione del profilo alla scomparsa, vogliono risolvere la problematica del ‘blocco’ di Facebook in caso di morte di un utente.

Se amici o parenti non possiedono la password dell’account è infatti impossibile utilizzare il profilo per modificare la foto, scrivere uno status o semplicemente per prelevare foto, dati personali o scaricare. Non che tutto ciò, onestamente, ci consenta di andare a letto più tranquilli questa sera…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>