Apps & Mobile / in evidenza / Marketing

Whatsapp gratis? Si, ma ci sono almeno 5 cose da sapere

Whatsapp gratis? Si, ma ci sono almeno 5 cose da sapere
3 minuti di lettura

Messaggiare con Whatsapp gratis è possibile? Si, in due modi: per 12 mesi dal primo utilizzo – dopo scatta l’acquisto obbligatorio di un abbonamento dal prezzo comunque irrisorio di 0.89 centesimi – oppure, ed è la novità dell’ultim’ora, utilizzando WhatSim.

WhatSIM: 10 euro all’anno e non ci pensi più

E cosa sarebbe? Si tratta di una speciale SIM dedicata a Whatsapp con cui è possibile chattare senza limiti con tutti i propri amici in tutto il mondo senza dipendere dai costi di roaming internazionale o dall’obbligo di trovare un hot spot WiFi per connettersi alla rete.

Cerchiamo di spiegare bene di cosa si tratta, puntualizzando che il Whatsapp gratis si riferisce all’utilizzo della app, e non alla SIM. Che costa 10 euro all’anno e consente di chattare gratis in tutto il mondo per un anno senza canoni o costi fissi (incluso il canone di Whatsapp). Funziona con più di 400 operatori in circa 150 Paesi.

La scheda verifica periodicamente la qualità del segnale e si collega all’operatore che offre la migliore copertura, in modo tale da garantire una connessione stabile e continua; una volta collegati si può chiamare, inviare sms e navigare in internet con un risparmio dell’85% sui piani tariffari standard. Di fatto, Whatsapp è parte dell’offerta.

Attraverso WhatSim è possibile anche condividere messaggi multimediali con foto e video ma in questo caso è necessario acquistare un pacchetto di crediti con una ricarica minima di 5 euro. Il meccanismo è semplice: con 5 euro si hanno a disposizione 1000 crediti che si possono poi utilizzare ad esempio per scambiare 50 foto o 10 video in tutto il mondo.

Le 5 cose da sapere di Whatsapp

1. Notifiche e ‘silenziatori’ per le chat. Ci sono chat di gruppo che suonano di continuo ed è meglio ‘silenziare’. Basta fare così: cliccare sul nome della conversazione, e scegliere fino a quando tenerla sopita.

2. Nascondere l’ultimo accesso. Nell’era della doppia spunta non è semplice proteggere la propria privacy perché comunque l’interlocutore saprà se abbiamo visualizzato il suo messaggio, ma comunque è possibile nascondere l’ora dell’ultimo accesso. Il percorso è Account>privacy>ultimo accesso. Può essere visibile a tutti, solo a determinati contatti, o a nessuno. Sappiate che scegliendo di non condividere l’ultimo accesso con gli altri, non potrete visualizzare nemmeno quella degli altri utenti.

3. Inviare messaggi multipli. Mettete che volete inviare lo stesso messaggio a più destinatari, ma non volete creare una chat di gruppo e non avete tempo/voglia di fare copia e incolla. Il modo c’è: nella home di Whatsapp esiste la funzione “Lista Broadcast”, tramite la quale si potrà inviare una chat a più interlocutori, senza però far loro sapere a chi altri è stata inviata. Le risposte degli altri non saranno visualizzate da chi è in lista. I messaggi potranno riceverli solo quelli che hanno in rubrica il numero del mittente.

4. Installare Whatsapp gratis a vita. Ok, se proprio volete si può fare. Il procedimento per continuare ad utilizzare Whatsapp gratis è molto semplice e presuppone alcuni passaggi:

  1. Disinstallare Whatsapp dal cellulare;
  2. Trovare (o farsi prestare) un cellulare con un sistema operativo diverso da quello attualmente utilizzato (quindi se avete un cellulare con sistema Windows phone, dovrete procurarvi un iPhone o un cellulare Android);
  3. Scaricare l’applicazione sul nuovo telefono ma registrarsi con il numero di telefono originario;
  4. Uscire dall’account Whatsapp sul cellulare procuratosi e reimpostare Whatsapp sul telefono originario;
  5. Controllare la scadenza e se troverete la scritta “Lifetime” (per tutta la vita) avrete Whatsapp gratis per sempre.

5. Bloccare un utente (o più di uno). E’ possibile farlo direttamente dal menù utente aperto dalla chat in questione, oppure attraverso le impostazioni (account>privacy). Lì si possono non solo visualizzare quelli già bloccati, ma anche aggiungerne di nuovi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>