Il social che completa Facebook e Twitter: Comparyson vuole rinnovare il modo di fare pubblicita’

Scritto da:     Tags:  , , , , ,     Data di inserimento:  23 dicembre, 2014  |  Nessun commento
23 dicembre, 2014
comparyson

Visite: 2555

Duemila utenti unici in neppure 50 giorni non bastano a chi vuole diventare un fido compare di Facebook e Twitter. L’obiettivo di Comparyson, il nuovo social network basato sulla scelta tra due, tre o quattro opzioni e ideato dal 24enne neo-laureato di San Marino Enrico Zanotti, va ben oltre la condivisione di questa o quella scelta e la socializzazione online.

Credo che Comparyson possa aprire possibilità commerciali diverse e sin qui inesplorate, per le aziende – dice proprio il giovane sammarinese -. Il mio social non vuole di sicuro mettersi in competizione contro giganti come Facebook e Twitter, non ho mai pensato a questo, anzi dal momento in cui l’ho creato l’ho sempre visto come uno strumento che può implementare i social stessi”.

All’idea, avvenuta la scorsa estate, è poi conseguita la realizzazione, con investimento non leggero (“faccio da solo ma mi aiutano anche mio padre e mio fratello che hanno sposato in pieno il progetto”). Se però in principio Comparyson, disponibile oggi per Pc e iPhone (ma ancora non per Android, la cui versione arriverà a breve), era stato pensato come una semplice app di comparazione, adesso la visione è più articolata.

Inzialmente avevo pensato ad un sito/app per comparare, poi il potenziale a disposizione mi ha suggerito che era meglio un vero social, dove seguire, essere seguiti, conoscere. E da li il passo al mobile è stato obbligatorio, visto che oggi gira quasi tutto su smartphone”.

Zanotti non intende riempire il suo social network, dove si compara di tutto (sport, politica, cucina, viaggi, orientamenti religiosi, animali, ecc) con banner e pubblicità classiche ma sviluppare un nuovo modo di fare pubblicità.

Se su Facebook le aziende si pubblicizzano tramite i Like – spiega Enrico – io credo che su Comparyson potrebbero proprio innescare un meccanismo qualitativamente diverso e al tempo stesso importante, postando diverse scelte di prodotto ai propri clienti, dicendo loro di scegliere il migliore e cercando di capire come cambiare, su cosa puntare, cosa eliminare. Lo stesso si potrebbe fare comparando il proprio marchio con quello di un concorrente, anche se in questo caso bisogna che la concorrenza sia veritiera”.

Il Natale servirà per aumentare – si spera – gli utenti italiani, ma il futuro è a stelle e strisce. “L’obiettivo è espandersi, arrivando agli Stati Uniti dove le possibilità commerciali sono di più. Prima però ho bisogno di crescere qua, non ho fretta così come non sono alla ricerca disperata di investitori. Vorrei che Comaryson restasse il più possibile mio“.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: