La semplificazione PA parte dal digitale: identita’, pagamenti, sanita’, fisco. Ce la faremo?

Scritto da:     Tags:  , , , , , ,     Data di inserimento:  2 dicembre, 2014  |  Nessun commento
2 dicembre, 2014
madia_semplificazione_pa

Visite: 3455

Chissà se ce la faremo, ma almeno abbiamo una traccia. Quel che ci spaventa un po’ sono i limiti temporali non ben definiti di determinati punti (per alcuni aprile 2015, per altri fine 2015, per altri ancora fine 2016…) e il solito, proverbiale ‘spacchettamento’ di soluzioni non in una legge ‘digitale’ ma dentro una grande manovra come la Legge di Stabilità 2015 che rischia di includere ma non considerare al meglio le necessità.

In ogni caso, quello che nella serata di ieri ha approvato il Cdm sarebbe ottimo: si vuole ottenere la semplificazione PA attraverso una serie di manovre che abbracciano tutta la filiera dell’economia reale. Cinque macro-campi che confermano come l’agenda digitale non sia fine a se stessa, ma fine all’utilità comune.

L’agenda per la semplificazione della Pubblica amministrazione 2015-2017, infatti, comprende un pacchetto di 38 azioni per semplificare il rapporto cittadini-burocrazia. I cinque filoni sono: cittadinanza digitale, welfare, fisco, edilizia e impresa. Vediamo i punti prettamente digitali.

Cittadinanza digitale

L’obiettivo finale è assicurare l’erogazione online di un numero crescente di servizi e l’accesso alle comunicazioni di interesse dei singoli cittadini e imprese direttamente via internet, con tablet o smartphone. Per fare questo, sarà attivato il sistema Spid (sistema unico di identità digitale) che consentirà al cittadino l’accesso in sicurezza a tutti i siti web che erogano servizi online (Inps, scuola, Agenzia entrate ecc). Si parte ad aprile 2015 con l’obiettivo di avere 10 milioni di utenti a dicembre 2017.

Pagamenti digitali: di piu’ e meglio

L’obiettivo finale è che cittadini e imprese possano, finalmente e senza nessun ostacolo, effettuare pagamenti elettronici per multe, tributi, rette scolastiche, bollette e quant’altro. Si potrà fare con il codice Iuv (codice identificativo univoco del versamento). Con questo sistema si dovrebbe poter pagare anche la marca da bollo digitale. Molto importante: entro fine 2016 tutte le PA centrali e locali dovranno attivare il sistema di pagamenti digitali.

Informazioni sui siti pubblici: link obbligatori

Questa ce la potevamo evitare ma evidentemente non ci siamo ancora. Ecco perché tra gli obiettivi dell’agenda semplificazione PA ritroviamo l’incubo delle informazioni per il cittadino su “Come fare per” presentare domande, dichiarazioni, comunicazioni, accedere a servizi.

Possibile che ancora non ci sia in tutti i portali?? Evidentemente no. Entro dicembre 2015, quindi, saranno obbligatori i link sulla pagina di accesso dei siti istituzionali di tutte le amministrazioni.

Welfare e salute: prenotazioni online, no duplicazioni certificati, referti online

Si vogliono semplificare gli adempimenti per le persone con disabilità e assicurare a tutti i cittadini  la prenotazione delle prestazioni sanitarie per via telematica o per telefono e l`accesso ai referti online o in farmacia.

Per farlo si dovranno eliminare le duplicazioni nella richiesta delle certificazioni sanitarie per l’accesso ai benefici entro il 2015. Inoltre, verranno istituite le prenotazioni online e per telefono delle prestazioni sanitarie in tutte le Regioni entro dicembre 2016 e l’accesso ai referti online e in farmacia in tutte le Regioni entro dicembre 2016. Ultimo ma non per ultimo: l‘accesso on line alla diagnostica per immagini in tutte le Regioni entro dicembre 2017.

Fisco e Dichiarazione dei Redditi

La dichiarazione dei redditi precompilata per dipendenti e pensionati arriverà entro aprile 2015: potranno accedere direttamente online alla propria dichiarazione precompilata dall’Agenzia delle entrate. La dichiarazione dei redditi precompilata avrà anche indicazione delle spese sanitarie, ma gli scontrini della farmacia arriveranno direttamente sulla dichiarazione dei redditi entro aprile 2016.

Si vuole digitalizzare anche la dichiarazione di successione: l’avvio della sperimentazione è previsto entro dicembre 2015, la messa a regime entro dicembre 2017.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: