Agenda Digitale / Beni comuni / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing

Modello 730 online precompilato: si fara’ tutto da soli e su Internet! Ecco come

Modello 730 online precompilato: si fara’ tutto da soli e su Internet! Ecco come
1 minuti di lettura

Si farà tutto dal pc di casa, comodamente, senza dover star li ad aspettare ore al CAF nell’ultimo giorno di scadenza: il modello 730 online precompilato per dipendenti e pensionati sarà realtà a partire dal 2015 – sui redditi 2014 – dopo l’approvazione del decreto semplificazione del Fisco da parte del Cdm avvenuta ieri.

Come funzionerà il modello 730 online precompilato? Semplicissimo: i moduli compilati dovranno essere resi disponibili on line entro il 15 aprile direttamente dall’Agenzia delle Entrate. Nel modello 730 online precompilato vi saranno all’inizio dati essenziali come:

  • dati anagrafici
  • familiari a carico
  • immobili e terreni posseduti

Dal 2016 saranno inseriti anche i dati relativi alle spese sanitarie, che Asl e farmacie saranno tenute a comunicare alle Entrate soltanto dal 2016 grazie alla tessera sanitaria. L’iter prevede che il modello 730 online precompilato venga messo a disposizione on line entro il 15 aprile. Il cittadino potrà accettarlo così com’è oppure modificarlo, rettificando i dati e aggiungendone altri, da solo o con l’assistenza dei Caf e di professionisti abilitati. Poi si procederà al pagamento.

La scadenza per la consegna – via mail – del modello 730 online precompilato sarà il 7 luglio. Per quanto riguarda i controlli fiscali, questi cambieranno a seconda se la dichiarazione precompilata, sia stata accettata senza modifiche o no.

Questa del modello 730 online precompilato è una sorta di rivoluzione concettuale che in molti Paesi europei già c’è: di fatto il contribuente, grazie al meccanismo di scambio dei dati che l’agenzia delle Entrate attiverà con la platea dei soggetti con cui il cittadino ‘spende’ (dal sistema sanitario nazionale alle compagnie di assicurazioni) e da cui incassa (datori di lavoro ma anche istituti di credito) potrà combinare i dati e ‘creare’ cosi’ quella dichiarazione che ora, materialmente, nella gran parte dei casi compilano coloro che si occupano dell’assistenza fiscale, dai Caf ai professionisti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>