Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Agenda Digitale / Beni comuni / Egovnews / in evidenza / Informazione / Innovazione / Marketing / Politica / Social Media / Strategia

Costituzione di Internet: prima bozza il 13 ottobre. Ecco cos’e’

Costituzione di Internet: prima bozza il 13 ottobre. Ecco cos’e’
1 minuti di lettura

La prima bozza della Costituzione di Internet, il cosiddetto Bill of right, elaborata dalla commissione per i diritti e i doveri sulla rete, composta da 13 esperti e 10 parlamentari (uno per ogni gruppo parlamentare), è ormai prontissima.

Si tratta di una vera e propria carta dei diritti e dei doveri di Internet: la Commissione di studio per la redazione di principi e linee guida in tema di garanzie, istituita dalla Camera, è presieduta da Stefano Rodotà. Di cosa si occuperà esattamente la Costituzione di Internet? 

Tratterà di privacy, social network, tutela dei minori, accesso al web: tutte problematiche che ruotano attorno a internet e che non sono sempre ben regolamentati. Da qui la necessità di scrivere le regole della rete.

Il conto alla rovescia porterà, in poco meno di un un mese, alla nascita della prima ufficiale Costituzione di internet italiana: entro il 29 settembre i componenti della commissione dovranno presentare gli emendamenti al testo; la seconda bozza sarà poi discussa entro l’8 ottobre per essere pronta per la riunione interparlamentare sui diritti fondamentali in programma alla Camera il 13 e 14 ottobre che vedrà la partecipazione dei parlamenti di tutti e 28 gli Stati membri dell’Ue.

Di carte di diritti di internet ce ne sono già tante che però in parte riproducono i diritti tradizionali, come il diritto di espressione, che noi abbiamo richiamato – ha spiegato Rodotà – ma il tentativo è quello di scrivere un documento che riguardi i diritti propri di internet“.

Sono tre i filoni principali che la Costituzione di Internet riguarderà: diritti fondamentali delle persone, “che riguardano sia la libertà individuale” ma anche la “privacy intesa non come riservatezza ma come tutela della sfera privata in un ambiente che è molto pubblico“; partecipazione, “internet deve essere salvaguardato come strumento della partecipazione democratica“; rapporto con la libertà economica.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register