Agenda Digitale / Beni comuni / Blogger / Egovnews / Innovazione / Marketing / Smart City

Smart city: cinque consigli ai sindaci che la vogliono raggiungere

Smart city: cinque consigli ai sindaci che la vogliono raggiungere
3 minuti di lettura

Troppo facilmente avevo fatto il “profeta di sventura”. Avevo preconizzato che la smart city sarebbe diventata una moda se non fosse cambiata rapidamente la cultura – e poi gli strumenti – attraverso i quali vengono amministrate le nostre città.

Un anno fa, di questi tempi, si parlava, spesso a sproposito, attraverso inaffidabili classifiche, di smart city. Oggi il termine è quasi scomparso dal dibattito in corso. Forse la smart city é considerata dai molti solo come un pretesto per accedere ai bandi nazionali ed europei che riguardano l’innovazione nelle aree urbane.

I nostri Sindaci, anche i trentenni eletti nelle ultime tornate elettorali primaverili, sembrano ormai prigionieri dell’ordinaria amministrazione e del patto di stabilità. E allora tutto perduto? Ci fermiamo? Attendiamo utili consigli romani?

Quelli che seguono sono alcune idee (spero utili) rivolte ai Sindaci e agli Amministratori per proseguire – a costo quasi zero – sulla strada dell’innovazione. La precondizione è che si adottino pratiche politiche ed amministrative improntate alla condivisione, alla sussidiarietà, al coinvolgimento dei cittadini.

1) In Italia stanno emergendo, fuori dai Comuni, tantissime best practice, innovative – anche nei centri medio piccoli – peccato che vengano scarsamente condivise.

Sarebbe opportuno che le pratiche di condivisione della conoscenza e delle metodologie – prima ancora che i software – venissero sperimentate in ambiti più vasti e rese note. L’AGID e le Regioni potrebbero essere un veicolo straordinario di diffusione delle buone pratiche.

2) L’alfabetizzazione digitale di tutta la popolazione é una precondizione necessaria a qualsiasi politica smart.

L’Amministrazione dovrebbe partire dalla formazione alle logiche e ai valori della condivisione di tutti i suoi dipendenti. Se una Amministrazione si distinguerà per la capacità di coinvolgere i cittadini e gli stakeholders nelle sue scelte, potrebbero essere questi soggetti a promuovere e a sostenere i piani di alfabetizzazione digitale della popolazione.

L’Amministrazione dovrebbe assumere la regia di queste attività e finalizzarla, creando una interazione costante tra le logiche di apertura e l’evoluzione della domanda da parte dei cittadini.

3) É necessaria una evoluzione delle logiche che sovrintendono ai rapporti con i fornitori di strumenti e di cultura I.T..

E’ finita l’epoca della fornitura di singoli componenti, siano essi un tradizionale “gestionale” o il celeberrimo “lampione con il wifi”. E’ necessario -chiedendo uno sforzo anche alla domanda- chiedere sempre di più “sistemi” smart. Il futuro é fatto di ecosistemi di innovazione.

4) Per attuare con efficacia queste attività, l’Amministrazione dovrebbe dotarsi di professionalità specifiche.

Recentemente ho affermato, in modo provocatorio che tali attività non andranno affidate agli informatici. Da sole queste competenze (perché tali sono) non sono in grado di guidare un processo di estrema complessità come l’innovazione nel tessuto urbano.

La gestione dell’alfabetizzazione digitale (che non é insegnare l’informatica o postare su un social network, né tantomeno convincere sulle virtù del digitale !”usando la pancia”) necessita della formazione di team multidisciplinari e di gruppi di motivati evangelist..

Promuovere la trasformazione innovativa di un centro urbano necessita di tante competenze, essa non é meno complessa della redazione di un piano urbanistico o di un piano di regolazione del commercio.

5) C’é un disperato bisogno di dare spazio e fare crescere le “giovani professionalità” togliendola dalla logica dei caravanserragli itineranti.

Ogni settimana si susseguono in tutta Italia gli hackaton e i raduni di startupper. Cominciamo a pensare che queste persone sono le potenziali professionalità delle quali c’é bisogno per innovare l’Ente e i testimonial per veicolare le pratiche innovative. Non é sufficiente incentivare l’apertura di un coworking, o parlare di stampanti 3D. É necessario incentivare la nascita di ecosistemi di innovazione. Gli ecosistemi di innovazione, successivamente, potranno essere i luoghi dai quali espandere la trasformazione, in primis culturale, del tessuto urbano.

Come vedete si tratta di operazioni non semplici, anzi abbastanza complesse, tuttavia sono assolutamente fattibili. Soprattutto, come sarà facilmente dimostrabile, saranno quasi sempre a costo zero o a budget molto contenuto.

CHI VOLESSE ACQUISTARE I MIEI LIBRI SULLE SMART CITIES CLICCHI QUI

TRATTO DA MICHELECAMP.IT

Foto del profilo di Michele Vianello
Ex Direttore Generale di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, imprime una forte impronta di innovazione IT nel territorio veneziano e veneto, sperimentando e attuando, a favore della crescita tecnologica e della competitività delle imprese, modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo “Enterprise 2.0”, nuove modalità di marketing “Web 2.0”, le più avanzate soluzioni tecnologiche e piattaforme di eccellenza. La sua carriera politica ha inizio nel 1997 come Vice Sindaco nella sua città natale: Venezia. Deputato della Repubblica dal 2001 al 2005, rientra a Venezia, braccio destro del Sindaco Cacciari alla guida della città lagunare, fino a ottobre 2009. In quattro anni promuove un cambiamento radicale nell’organizzazione della macchina comunale e nell’interazione tra PA e cittadini, con l’adozione delle filosofie gestionali “Web 2.0” e “Amministrare 2.0”. E’ ideatore delle politiche del Comune di Venezia in materia di banda larga e connettività wi-fi: con il progetto “Cittadinanza digitale” ha reso Venezia la prima città d’Italia completamente digitale, con connessione Internet wi-fi gratuita per tutti i residenti nelle piazze, biblioteche e uffici pubblici; con il portale “Venice Connected”, che intermedia decine di migliaia di ordini, ha contribuito ad innovare la gestione dei flussi turistici della città. Numerose le relazioni, gli scritti e le interviste di natura specialistica rilasciate su riviste e quotidiani. Nel 2010 pubblica il libro “VE 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete” edito da Marsilio Editori. Ad aprile 2010 è stato insignito del prestigioso premio nazionale “La città dei cittadini – Cineca Award 2010”, quale personalità che si è più distinta in Italia nello sviluppo di progetti che favoriscono la comunicazione tra Istituzioni e cittadini, in particolare nell’erogazione di servizi tramite le nuove tecnologie web.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>