Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / in evidenza / Marketing

Prezzi Watch Apple: la Mela sfondera’ dove gli altri stentano?

Prezzi Watch Apple: la Mela sfondera’ dove gli altri stentano?
2 minuti di lettura

I prezzi Watch Apple partiranno da 349 dollari (pertanto è ipotizzabile che partano da 349 euro o giù di li): l’orologio da polso della mela esordirà però nel 2015, come indicato anche sullo store ufficiale, ma già ci sono diverse correnti di pensiero e anche diverse polemiche visto che altri comptetitor – Samsung, Lg, Motorola – hanno proposto gli smartwatch da tempo senza però riscuotere il successo mediatico che per ora sembra aver riscosso il Watch.

watch_ufficiale

I prezzi Watch Apple valgono il prodotto? Vediamo un po’ di cosa parliamo. Watch sarà disponibile in 3 diverse versioni: “regolare” con cinturino in cuoio o acciaio, Sport (con cinturino in gomma per il fitness) e Watch Edition (con cassa dorata e materiali pregiati).

 

Il senso di Watch è lo stesso dei suoi ‘fratelli’: estende le potenzialità dello smartphone, del quale ha bisogno per collegarsi alla rete. Mostra quindi subito le notifiche di sms e social network senza dover guardare l’iPhone. Può servire per consultare una mappa e anche per far partire una telefonata semplicemente con comando vocale.

Di sicuro il particolare più interessante (e se vogliamo innovativo) è la ricarica a induzione: un attacco “magnetico” sul dorso dell’orologio, in vetro, con l’obiettivo di alleviare uno dei principali limiti degli smartwatch, ovvero l’autonomia limitata.

L’autonomia ufficiale non è stata dichiarata ma si spera duri più di un giorno, obiettivo minimale che diversi concorrenti però faticano a raggiungere. Sul lato design, qualche perplessità: non è tondo come su rivali Motorola Moto 360 e Lg G Watch R.

watch_ufficiale_2

 

L’orologio integra Siri e permette di dare comandi a voce ma differenza di Samsung, non è stand alone ma è in pratica un’estensione dello smartphone. Quando vibra e ci segnala l’arrivo di un messaggio possiamo utilizzare delle risposte preimpostate o dettare un messaggio con Siri, è dotato di Gps e comunica con un altro Apple Watch tanto che possiamo sentire il battito cardiaco di un’altra persona. Vi interessa?

Ultime, fantasiose funzioni di dubbia utilità che ci portano a pensare che, se Watch avrà successo negli Usa, Apple si confermerà bravissima in questo caso più nel marketing che nell’effettiva potenza tecnologica di un prodotto che non decolla: già da subito l’orologio permetterà di aprire le porte delle camere di hotel (nella catena Starwoodd, per iniziare), di ritrovare l’auto se abbiamo dimenticato dove è parcheggiata, di controllare il termostato di casa.

C’è anche l’aspetto Apple Pay, ovviamente. Potremo infatti pagare i nostri acquisti nei negozi. Basterà avvicinare l’Apple Watch ai pos abilitati (già ora 220 mila negli Stati Uniti, con nomi quali McDonald’s, Bloomingdale, Macy’s, Disney, Starbucks, OpenTable per i ristoranti e altri) e dare un “ok” per fare quello che oggi si fa, in diversi passaggi, con la carta di credito.

Insomma, il mondo è li, a portata di orologio. Ma avendo già uno iPhone 6, non è che si rischia di duplicare le fatiche invece che dimezzarle??

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register