Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Beni comuni / Blogger / in evidenza / Innovazione / Marketing / Social Media

Tutti limiti di Facebook e altri social: la virtu’ del bannare i presunti “amici”

Tutti limiti di Facebook e altri social: la virtu’ del bannare i presunti “amici”
2 minuti di lettura

Lezioni di condivisione: partiamo dai limiti di Facebook. Quando insegno l’uso dei social network ripeto ai miei “scolari”, fino alla nausea, che non è rilevante il numero dei like o dei follower che ognuno ha accumulato.

Ciò che è importante, sempre, anche nella vita materiale, è la qualità delle relazioni che si instaurano tra le persone. Condividere è il sinonimo di regalare qualche cosa di te. Attraverso questo processo ogni “regalo” viene arricchito, viene contaminato, sia nel bene, come nel male. Non sempre le relazioni -condivisioni- generano effetti positivi.

Se mi chiedeste: “Hai 5000 amici su Facebook?”, sicuramente vi risponderei “no, non ho 5000 amici su Facebook”. Nel tempo, 5000 persone hanno chiesto (o io ho chiesto) di accedere al mio wall, di essere mie “amiche”, di condividere con me “qualche cosa” della loro vita.

Il processo di condivisione innescato dai social network ha cambiato le relazioni sociali. È un fenomeno positivo “a prescindere”. Valutando la qualità delle relazioni posso dire, senza esitazione, che esse non sono tutte soddisfacenti. Anzi!!! Non è solo un problema di “cani” e “gatti” postati su Facebook.

La verità è che l’imbarbarimento della nostra società e delle nostre relazioni sociali si è inevitabilmente riverberata, senza mezze misure, anche nella piazza aperta offerta da Facebook. Francamente sono molto infastidito da questo urlare continuo, dalla totale deresponsabilizzazione che viene assunta anche quando si tratta di argomenti delicati e controversi.

È giunto il momento, almeno per me, di dare un minimo di regole ai rapporti di “amicizia” che si sono instaurati nel tempo nel “recinto di sabbia”. Se qualcuno, tra i miei ex “amici”, d’ora in avanti verrà bannato non si offenda.

Semplicemente i SUOI POST NON INCONTRANO I MIEI INTERESSI. Nella vita di ogni giorno, in strada come al bar, cerco di evitare le persone che non dialogano con me. Naturalmente invito tutti ad applicare lo stesso criterio anche nei miei confronti.

Dieci relazioni interessanti (interessante non vuole dire essere sempre d’accordo, anzi…) valgono più di 5000 amici che non interagiscono o che postano filmati privi di alcun interesse. Poiché affermo l’importanza della condivisione come cultura per crescere tutti assieme, applico a me stesso questi principi.

Come dico basta all’unidirezionalità, dico basta anche alla mediocrità, e all’urlo deresponsabilizzato. Usiamo anche i social network per crescere ASSIEME.

Tratto da Michelecamp.it

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Michele Vianello
Ex Direttore Generale di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, imprime una forte impronta di innovazione IT nel territorio veneziano e veneto, sperimentando e attuando, a favore della crescita tecnologica e della competitività delle imprese, modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo “Enterprise 2.0”, nuove modalità di marketing “Web 2.0”, le più avanzate soluzioni tecnologiche e piattaforme di eccellenza. La sua carriera politica ha inizio nel 1997 come Vice Sindaco nella sua città natale: Venezia. Deputato della Repubblica dal 2001 al 2005, rientra a Venezia, braccio destro del Sindaco Cacciari alla guida della città lagunare, fino a ottobre 2009. In quattro anni promuove un cambiamento radicale nell’organizzazione della macchina comunale e nell’interazione tra PA e cittadini, con l’adozione delle filosofie gestionali “Web 2.0” e “Amministrare 2.0”. E’ ideatore delle politiche del Comune di Venezia in materia di banda larga e connettività wi-fi: con il progetto “Cittadinanza digitale” ha reso Venezia la prima città d’Italia completamente digitale, con connessione Internet wi-fi gratuita per tutti i residenti nelle piazze, biblioteche e uffici pubblici; con il portale “Venice Connected”, che intermedia decine di migliaia di ordini, ha contribuito ad innovare la gestione dei flussi turistici della città. Numerose le relazioni, gli scritti e le interviste di natura specialistica rilasciate su riviste e quotidiani. Nel 2010 pubblica il libro “VE 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete” edito da Marsilio Editori. Ad aprile 2010 è stato insignito del prestigioso premio nazionale “La città dei cittadini – Cineca Award 2010”, quale personalità che si è più distinta in Italia nello sviluppo di progetti che favoriscono la comunicazione tra Istituzioni e cittadini, in particolare nell’erogazione di servizi tramite le nuove tecnologie web.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register