Premio Egov 2014, dentro anche Modena, Pisa e Soverato. Vi aspettiamo!

Scritto da:     Tags:  , , , , , ,     Data di inserimento:  30 luglio, 2014  |  Nessun commento
30 luglio, 2014
premio_egov

Visite: 1207

L’estate non decolla ma il Premio Egov 2014 del 18 settembre a Riccione (#premioegov14) si: siamo quasi a 50 progetti iscritti, dopo l’annuncio della proroga del bando di concorso ufficiale al prossimo 10 settembre.

L’obiettivo finale del Premio Egov, arrivato alla sua X edizione, resta assolutamente quello di condividere esperienze utili al miglioramento della vita del cittadino e, contestualmente, alla redazione di vere agende digitali locali che possano portare ad effettivi ritorni in termini economico-sociali e non meramente tecnologici.

ISCRIVITI AL PREMIO EGOV 2014

Per iscrivervi al Premio Egov 2014 potete tranquillamente compilare il semplice form presente su Pionero.itCome sempre sono state individuate alcune categorie – quest’anno sette - tra le quali scegliere di inserire uno o più progetti. Il progetto, qualora attinente, può essere iscritto anche a più di una categoria. Il bando, come ricordato sopra, è stato prorogato al 10 settembre. Tutti i progetti verranno presentati online su Pionero.it, con apposite interviste dedicate.

L’invito è quello di partecipare alla due giorni riccionese (#ConvegnoRiccione2014) che ospiterà, dopo il Premio Egov, anche un nuovissimo convegno a tema “Agenda Digitale Locale – La pianificazione strategica per progettare le smart cities e le smart communities” (venerdì 19 settembre).

AGENDA DIGITALE LOCALE: GUARDA IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO!

premioegov13_premiazionepremioegov13_platea

Il WebGis Comunale del Comune di Soverato

Iscritto alla sezione “Dati aperti, governo aperto, trasparenza (l’ente come una casa di vetro)“, il progetto WebGis comunale di Soverato (Calabria) è uno strumento di partecipazione dei Cittadini agli strumenti di pianificazione, attraverso delle mappe accessibili tramite web.

Rappresenta una nuova forma strategica di comunicazione innovativa che, facilitando il dialogo tra i diversi soggetti, rende la popolazione partecipe degli atti di pianificazione e programmazione che riguardano il proprio territorio.

Il WebGis comunale di Soverato è un Sistema Informativo Territoriale realizzato con strumenti di base open source, sui quali sono state sviluppate specifiche applicazioni che consentono:

  • di consultare interattivamente sulla rete civica, la cartografia delle Piano Regolatore Generale sovrapposta alla cartografia catastale;
  • di consultare la base catastale tramite ricerca di foglio e particella
  • di visualizzare la destinazione urbanistica del territorio
  • di inserire sulla cartografia segnalazioni su problematiche territoriali, che il sistema automaticamente inoltre agli uffici competenti, con l’apertura di un ticket;
  • di ottenere estratti numerici di porzioni di territorio;
  • di visualizzare direttamente le monografie dei punti fiduciali selezionati

Walking in the City: Pisa c’e’

Realizzare ed integrare infrastrutture materiali e immateriali, per creare una rete di percorsi pedonali con valenza storica ed artistica partendo dai punti di accesso alla città da parte dei turisti e non solo. E’ l’obiettivo del progetto Walking in the City presentato dal Comune di Pisa nella sezione “Città e territori intelligenti (pianificazione strategica locale)“.

Sotto obiettivi:

  • definizione di un’immagine coordinata per tutti i canali di comunicazione;
  • realizzazione percorsi tematici, caratterizzati e riconoscibili per il turista;
  • realizzazione di un portale per il turismo, in due lingue, con informazioni sugli itinerari, luoghi di interesse, eventi cittadini e servizi della Città. Tutte le informazioni sono Geo referenziate e scaricabili utilizzando i QR-CODE presenti in ogni pagina;
  • versione mobile Friendly in due lingue;
  • canali social (facebook, Twitter, Foursquare, Pinterest e YouTube);
  • APP per smart phone per la gestione degli itinerari e come diario;
  • realizzazione di punti di sosta e accoglienza per i turisti, idoneamente arredati e attrezzati per l’accesso ai servizi informativi tramite touch screen collocati all’interno;
  • realizzazione opuscoli, mappe e altro materiale cartaceo in più lingue;
  • cablaggio in fibra ottica lungo i percorsi principali per l’allaccio dei Totem e punti WiFi, per massima affidabilità, velocità di connessione e sostenibilità futura per la mancanza di canoni di connessioni;
  • estensione dell’attuale Rete Free Pisa Wi-fi con accesso free al portale turistico;
  • nuova segnaletica per gli itinerari dotata di QR-CODE in 3 lingue che consentiranno al turista di accedere alle informazioni del singolo monumento attraverso un dispositivo mobile;
  • nuovi arredi urbani predisposti per la fruibilità dei percorsi, in grado di segnalare attraverso apposite paline colorate i singoli itinerari tematici;
  • Pisa Card, che offre servizi unificati e biglietto unico di accesso a eventi e monumenti e al trasporto urbano sulle linee ce raggiungono le location previste dagli itinerari;
  • sostenibilità gestionale, affidando la gestione per 3 anni+ 3 anni dell’infrastruttura fisica e della parte gestionale alla RTI che si è aggiudicata la fornitura.

Lo “switch on” del progetto è avvenuto il 26 luglio 2014, quindi tutti i punti prima indicati sono stati realizzati, a meno della APP e Pisa Card che partiranno in autunno.

Idee per Modena Digitale

Idee per Modena Digitale è il nome del percorso realizzato dal Comune di Modena per definire l’Agenda Digitale cittadina, un progetto iscritto alla sezione “Città e territori intelligenti (pianificazione strategica locale)“.

I lavori si sono svolti, da dicembre 2013 a marzo 2014, intorno a quattro attività: un ciclo di seminari tematici, un insieme di incontri con gli stakeholder, un concorso di idee e la raccolta di dati aggiornati sulle competenze e le esigenze tecnologiche e informatiche dei cittadini. Il percorso ha consentito di individuare aspettative e priorità della città rispetto ai al futuro digitale del territorio che sono state raccolte in un documento finale.

Sei sono stati i seminari tematici con i cittadini e le imprese realizzati sui temi più importanti che riguardano l’agenda (il lavoro, le competenze e i servizi digitali, le infrastrutture tecnologiche, la Smart City) e con l’obiettivo di comprendere quali sono le priorità, confrontandosi direttamente con chi la città la vive e la usa.

Gli incontri si sono svolti con un format omogeneo: un keynote di apertura seguito dal dibattito stimolato da un video e da interventi del pubblico e dei responsabili dei progetti cittadini in corso. I lavori sono stati seguiti anche in streaming con la possibilità di intervenire via Twitter e commentando il tema del giorno sulla pagina Facebook di Città di Modena.

Gli attori locali sono stati coinvolti sin dalle prime fasi del percorso di Idee per Modena Digitale e con alcuni di loro sono state realizzate interviste specifiche per individuare i problemi aperti e le azioni importanti da realizzare con l’Agenda Digitale, in particolare: Prefettura, Provincia di Modena, Camera di Commercio, HERA / Acantho, Agenzia per la mobilità, Università di Modena e Reggio Emilia, Azienda Sanitaria Locale, Democenter.
Con il contributo di tutti gli stakeholder è stata costituita la piattaforma Modena Smart Community che funziona come elemento di raccordo per tutti i progetti in ottica Smart City che caratterizzano il territorio locale (www.comune.modena.it/modenasmartcommunity/).

Sono state quindi realizzate due ricerche per raccogliere dati aggiornati sulle competenze e le esigenze informatiche dei cittadini ed è’ stato inoltre realizzato un concorso di idee per raccogliere proposte concrete e realizzabili per migliorare le capacità digitali del territorio rendendolo più competitivo, vivibile, intelligente, consapevoli che spesso dall’intelligenza collettiva nascono le soluzioni più innovative per risolvere i problemi irrisolti della città.

Il bando di concorso ha proposto due sezioni tematiche: “Migliorare le competenze digitali della popolazione” e “Nuove soluzioni on line al servizio della città”. Trentotto i progetti presentati, fra cui sono stati selezionati 6 progetti vincitori.

Premi

Alla scadenza del bando – 10 settembre 2014 – una giuria di esperti selezionerà i finalisti per ogni categoria e infine, il 18 settembre a Riccione durante il convegno di cerimonia del Premio Egov (resta collegato, a breve sveleremo tutto sull’evento che per l’occasione sarà ancor più ricco delle precedenti edizioni!), saranno premiati i vincitori con targa speciale più buono spesa da 300 euro in prodotti Maggioli.

ISCRIVITI AL PREMIO EGOV 2014

Vedi tutto sull’edizione 2013

TUTTE LE FOTO DEL’EDIZIONE 2013

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: