Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Agenda Digitale / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing / Open Data / Open Source / Opengovernment / Politica / Strategia

Pionero chiama PA: condividiamo innovazione al Premio Egov 2014

Pionero chiama PA: condividiamo innovazione al Premio Egov 2014
5 minuti di lettura

Pionero chiama, la PA risponderà? La X edizione del Premio Egov è già partita ma noi aspettiamo che decolli: scollinata la doppia cifra di progetti iscritti, notiamo che l’innovazione pubblica c’è ma va assolutamente condivisa non solo per mostrarla ma soprattutto per ‘contagiare’.

L’idea di base del Premio Egov (#premioegov14) è sempre stata questa, la contaminazione. Ecco perché abbiamo bisogno di comuni, province, regioni, Asl e tutte le pubbliche amministrazioni ricettive che presentino il loro progetto e, a Riccione il prossimo 18 settembre ma prima ancora sulle pagine di Pionero.it, le mostrino a tutti i cittadini che di servizi innovativi e miglioramenti della vita quotidiana hanno estremo bisogno.

premioegov13_platea premioegov13_convegno

Come iscriversi al Premio Egov 2014

Prima di tutto, ricordiamo a tutti che iscriversi al#premioegov14 è facilissimo: basta compilare il semplice e intuitivo form presente su Pionero (clicca qui) e il gioco è fatto. Come sempre sono state individuate alcune categorie – quest’anno sette – tra le quali scegliere di inserire uno o più progetti. Il progetto, qualora attinente, può essere iscritto anche a più di una categoria.

Dati Aperti per il Turismo dall’Emilia-Romagna

Dopo la prima puntata dedicata a diversi progetti iscritti della primisisma ora, oggi parliamo di open data con le iniziative della Regione Emilia Romagna e del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE). Partiamo dall’Emilia-Romagna, sempre propositiva e spesso vincitrice di premi e menzioni alle precedenti edizioni del Premio Egov, che si presenta col progetto “Dati Aperti per il Turismo” nella sezione “Dati aperti, governo aperto, trasparenza (l’ente come una casa di vetro)“.

Di fatto viene messo a disposizione del pubblico in formato open il patrimonio dati proprio degli uffici regionali del turismo e degli EE.LL. referenti del sistema d’informazione regionale del turista.

Sul sito open data regionale si possono quindi trovare sia i dati derivati dalla propria attività istituzionale (Strutture ricettive alberghiere ed extra-alberghiere, Elenchi Agenzie Sicure, Elenchi Agenzie di Viaggio Autorizzate, Uffici d’informazione turistica, Bibliografia di studi sul Turismo), sia i dati forniti dagli EE.LL. grazie ad uno specifico progetto “Anagrafiche”.

Con il progetto “Anagrafiche”, gli EE.LL. attraverso soluzioni di interoperabilità (standard XML) periodicamente riversano in un applicativo regionale i dati essenziali relativi alle risorse turistiche del proprio territorio, definiti da un disciplinare tecnico predisposto con il loro coinvolgimento diretto. Per ogni oggetto turistico vengono importati al livello regionale i dati di base, “anagrafici” , quali ad esempio la denominazione, l’indirizzo, la tipologia, le coordinate, la URL della pagina pertinente del sito locale per approfondimento, e altri dati.

La Regione li mette a disposizione (formato csv, licenza CCBy, file metadati txt) sul sito http://dati.emilia-romagna.it , a partire dalle categorie di maggior interesse (Arte e Cultura, Dove Mangiare/Ristorazione, Enogastronomia….), sia nella versione Italiana che nella versione inglese.

Osservatorio Statisticheimpresa 2.0: MISE all’arrembaggio

Stessa categoria per il MISE, che si è iscritto col progetto “Osservatorio Statisticheimpresa 2.0“. Si tratta di un network applications per gestire e comunicare in modo intuitivo le statistiche europee e italiane, settoriali e territoriali.

Un progetto di data driven economy in cui l’obiettivo è l’elaborazione, l’analisi e la visualizzazione dei dati open, con riferimento ai temi dell’Industrial Compact, Smart economy, Open data government, Smart specialisation, Big data e Risk management.

Svolge analisi statistiche funzionali all’attività della direzione, a supporto della strategia dell’Industrial Compact, e realizza la sintesi tra le diverse fonti e i numerosi dati, al fine di offrire un quadro statistico di riferimento sull’andamento del sistema economico e industriale italiano ed internazionale.

Rende leggibili gli open data del Mise per una piu’ rapida diffusione della conoscenza, delle competenze tecnologiche e dell’innovazione, creando un datalab con visualizzazioni grafiche interattive, che analizzano gli indicatori chiave dell’economia italiana. Incoraggia l’utilizzo e lo scambio dei dati aperti per una maggiore trasparenza e una migliore governance. Realizza una valutazione quantitativa sull’evoluzione della smart economy e specialisation secondo la strategia UE 2020.

Utilizza i dati aperti della PA come supporto per le policy di crescita e sviluppo sostenibile, rielabora, analizza e rappresenta graficamente gli open data territoriali attraverso dashboard e infografiche. Diffonde l’attività e la professionalita’ del data scientist nella gestione degli open data, anche attraverso la diffusione delle start up sui big data e le apps.

Si tratta di una iniziativa di smart working nella PA, che si propone di sviluppare e implementare progetti statistici web in collaborazione e a supporto di una rete di organizzazioni (amministrazioni, enti, università e centri ricerca) che svolgono attività di ricerca per la digital economy. Statmanager blog raccoglie le principali novità statistiche relative allo scenario congiunturale italiano ed europeo.

In particolare il Progetto StatLab contiene la sezione StatmanagerLab con cruscotti statistici interattivi specifici per l’analisi del sistema industriale ed economico. Open School presenta infografiche statistiche e analytics data sui temi dell’Industria, della Smart economy, Open data government, Smart specialisation, Big data e Risk management, raccolte nel Netbook Infogr.am.

OpenCrisimpresa è invece un database elaborato a supporto della riforma sull’individuazione delle aree di crisi industriale complessa, (decreto 31 gennaio 2013 – art.27 comma 8 legge Sviluppo 2012). Statindustria è un progetto di data visualization con l’obiettivo di rappresentare il flusso di informazioni sull’industria attraverso immagini interattive semplici e di facile lettura. Opendata SmartGov presenta i dati europei e italiani relativi al tema della “Smart Growth” ovvero della crescita intelligente, inclusiva e sostenibile del sistema economico, secondo la strategia UE 2020.

Premi ed eventi collaterali

Alla scadenza del bando – 31 luglio 2014 – una giuria di esperti selezionerà i finalisti per ogni categoria e infine, il 18 settembre a Riccione durante il convegno di cerimonia del Premio Egov (resta collegato, a breve sveleremo tutto sull’evento che per l’occasione sarà ancor più ricco delle precedenti edizioni!), saranno premiati i vincitori con targa speciale più buono spesa da 300 euro in prodotti Maggioli.

Il format 2014 – che come l’anno scorso sarà ospitato nell’ambito delle Giornate della Polizia Locale – si inserisce all’interno di un programma che intende dare ancora più spazio all’innovazione che concretamente viene fatta nelle e dalle PA locali.

Il giorno successivo alla premiazione si terrà infatti il convegno AGENDA DIGITALE LOCALE – Nuove idee per città intelligenti e sicure, dove sarà presentato anche Open City Platform, il progetto che ha vinto un bando del Miur e che vede la collaborazione di Maggioli, ANCI regionale di  Emilia-Roma, Toscana e Marche, Istituto nazionale di fisica nucleare, Almaviva e Santer Reply.

ISCRIVITI AL PREMIO EGOV 2014

Vedi tutto sull’edizione 2013

TUTTE LE FOTO DEL’EDIZIONE 2013

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register