Apps & Mobile / in evidenza / Informazione / Marketing / Strategia

Maturita’ 2014, le tracce del tema viaggiano online

Maturita’ 2014, le tracce del tema viaggiano online
1 minuti di lettura

Mercoledì mattina si parte e c’è già chi è li, da ore e ore, a cercare su Internet le tracce giuste dei temi della Maturita’ 2014. Mentre i Presidi delle Scuole sono tassativi sugli smartphone e i tablet vietati a scuola (“rischia di ripetere l’anno chi verrà sorpreso a usare lo smartphone”), la Polizia postale addirittura avvisa gli studenti del rischio delle bufale online. La Maturita’ di una volta non esiste più, adesso si va online e li si passa a miglior vita (scolastica si intende).

Secondo una ricerca di Skuola.net (in collaborazione con la Polizia di Stato) su un campione di 2500 maturandi, un candidato su 4 non consegnerà lo smartphone alla commissione e, sempre uno su 4, proverà ad utilizzarlo per copiare. Sprezzanti del pericolo, visto che ben 9 studenti su 10 sanno che usare lo smartphone comporterebbe l’esclusione dalla prova.

Passiamo agli spoiler. Gli argomenti dei temi che si trovano online sono ovviamente figli di quanto accaduto quest’anno e di quanto uscito nelle precedenti Maturita’: tra le possibili tracce circolate online nelle ultime ore, per quel che riguarda l’analisi del testo si vocifera di Gabriele D’Annunzio e Italo Calvino. Il primo non esce dal 2001.

Passiamo al saggio breve, tipologia di tema che permette di avere un buon grado di libertà, associato alle conoscenze personali. Il MIUR potrebbe scegliere tra questi temi: i giovani e la crisiamicizia come fonte d’ispirazioneimmigrazioneglobalizzazione ed omosessualità.

E il tema di cronaca? I più gettonati sono la tragedia del tifone nelle Filippine e l’alluvione che ha colpito la Sardegna, ma anche il compleanno di Facebook – social network planetario e rappresentativo di un’intera generazione, proprio quella dei maturandi – non è da scartare.

Chiudiamo col tema storico: Kennedy, Mandela, Steve Jobs, Papa Giovanni Paolo II. Vi bastano? Preparatevi bene e sarete comunque (abbastanza) tranquilli! E occhio agli smartphone!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>