La Sanita’ Digitale fa tappa a Trieste!

Scritto da:     Tags:  , ,     Data di inserimento:  7 giugno, 2014  |  Nessun commento
7 giugno, 2014
Motore-Sanità

Visite: 985

Italia ed Europa si incontrano a Trieste il prossimo 20 giugno (Star Hotels Savoia Excelsior Palas) per affrontare il tema della sanita’ digitale. Esperti nazionali ed internazionali portano sul tavolo i temi caldi della nuova rivoluzione sanitaria.

L’organizzazione della salute pubblica dovrà cambiare in Italia per diventare sempre più “digitalizzata”. Ci troveremo dunque di fronte ad una vera e propria rivoluzione che porterà ad avere una sanità più informatizzata e per questo più “a misura di cittadino”, più vicina alle sue esigenze di salute e più puntuale nelle risposte di cura. Questo è l’obiettivo della rivoluzione sanitaria in corso nel nostro Paese. Ma sarà davvero possibile? Alcune regioni “virtuose” hanno già mosso i primi passi verso una “salute connessa”.

In Europa esistono modelli che possono aiutarci a scegliere la strada più appropriata alle nostre esigenze di cura, e proprio in questo nuovo confronto a Trieste l’esperienza del fascicolo sanitario elettronico svedese e danese è uno dei temi di interesse.

E’ ormai accettata da tutti la necessità di passare da una medicina di attesa (adatta alle patologie acute) ad una medicina di iniziativa (sistema integrato tra il Medico di medicina generale e gli altri operatori della nuova “medicina di famiglia” – con il supporto dell’informatica (Ict) – adatto alle patologie croniche) che individua i pazienti a rischio implicando controlli mirati.

Oggi nel linguaggio medico sentiamo parole nuove come “fascicolo sanitario elettronico” (cartella clinica che contiene eventi, esami e visite registrati fin dalla nascita del paziente affinché sia assistito nel migliore dei modi); agenda digitale e ricetta elettronica (che comporta risparmio di carta, impossibilità di frodi, minore inquinamento, controllo diretto della spesa e dell’appropriatezza e abbattimento dei costi dei controlli obbligatori per Legge) permettendo al paziente di passare direttamente in farmacia a ritirare i farmaci.

Insomma, la sanità pubblica è in corso di trasformazione e questa corre sul filo della digitalizzazione, della tecnologia e dell’evoluzione informatica che rendono il mondo della sanità più efficiente ed in grado di superare barriere, come quelle di chi fa fatica a raggiungere il posto di cura.

Basti pensare alla telemedicina ospedaliera che accorcia i tempi di cura del paziente dal letto di casa, oppure alle immagini digitalizzate che mettono in comunicazione il paziente con due radiologie di ospedali differenti.

Questa rivoluzione sanitaria comporta però di rivedere alcuni concetti fondamentali come la privacy del cittadino-paziente, l’utilizzo in sicurezza nel crossborder e la protezione dei dati sensibili. L’Italia ha un nuovo compito. E questa volta deve fare in fretta per essere al passo con l’Europa.

Lascia un commento