Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Competenze Digitali / Egovnews / in evidenza / Marketing

Competenze digitali: il portale europeo dedicato

Competenze digitali: il portale europeo dedicato
2 minuti di lettura

Anitec, Associazione Nazionale Industrie Informatica, Telecomunicazioni ed Elettronica di Consumo lancia il blog dedicato al programma “E-skills for Jobs 2014“, fortemente voluto dalla Commissione Europea e di cui l’associazione è coordinatore per l’Italia con attività e progetti rivolti al mondo della scuola, dell’alfabetizzazione digitale, delle competenze digitali e dell’innovazione d’impresa. Una piattaforma di discussione che fa perno sul portale www.eskillsforjobs.it.

Si tratta di un portale informativo e di scambio di idee e progetti su quello che è un grande programma formativo europeo e per il quale l’impegno dell’Italia assume particolare rilievo in vista del semestre di presidenza dell’Unione – dichiara Cristiano Radaelli, Presidente ANITEC  Per il futuro del nostro Paese e di tutta l’Europa è necessario accrescere tra i cittadini e in particolare tra i giovani la consapevolezza della necessità di migliorare le proprie competenze di applicazioni e tecnologie digitali. Questo permetterà alle persone di migliorare la possibilità di trovare lavoro e avere maggiori opportunità di carriera e alle imprese di avere risorse preparate ed essere più competitive. L’effetto sinergico produrrà quindi più posti di lavoro e maggiore crescita economica“.

Si tratta di una piattaforma digitale su cui verranno postati articoli legati ai vari sviluppi e progetti relativi al programma europeo E-Skills for Jobs 2014, con interventi di esponenti non solo del mondo digitale ma anche delle istituzioni. A fornire il primo contributo è il Sottosegretario per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Angelo Rughetti sul tema “Digitalizzazione dei Paesi, nuove opportunità per i giovani“.

Secondo Rughetti, “in termini occupazionali in Ue dal 2001 al 2011 gli occupati nei settori a maggiore intensità tecnologica sono cresciuti ad un tasso due volte superiore rispetto alla media degli altri lavoratori e i nuovi impieghi, che necessitano di maggiori competenze high tech, non solo godono di salari più elevati ma hanno resistito meglio alla crisi. La Commissione Europea ha stimato che nei prossimi anni saranno disponibili oltre 800 mila posti di lavoro nella filiera digitale e John Higgins, Direttore generale DigitalEurope, ha calcolato che il fabbisogno in Europa sarà di 500 mila posti di lavoro digitale entro il 2015 e di 730 mila a 1,3 mln al 2020 a seconda del ritmo di crescita economica. L’Italia deve sfruttare questa occasione e migliorare in breve tempo le proprie lacune. Le lauree, sia di primo e secondo livello, in materie ICT rappresentano l’11,48% sul numero degli iscritti del 2010, contro il 13% dell’area dei Paesi dell’ area Euro. Gli ambiti di azione in cui investire sin da subito sono Scuola, transizione al lavoro, formazione continua ed inclusione digitale“.

Siamo molto contenti – conclude il Presidente Radaellidi aver lanciato uno strumento semplice, alla portata di tutti e grazie al quale tutti possono scoprire e partecipare alle iniziative proposte dal programma E-Skills for Jobs 2014“.

 

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register