Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / in evidenza / Marketing

Video streaming piu’ remunerati: Yahoo all’assalto di YouTube

Video streaming piu’ remunerati: Yahoo all’assalto di YouTube
1 minuti di lettura

Ha sempre avuto il video streaming tra i suoi desideri più reconditi, Yahoo, e adesso pare che la discesa in campo sia imminente con tanto di assalto alle quote di mercato del dominatore YouTube. Pare infatti che Yahoo sia in trattative preliminari per l’acquisto del servizio di video streaming online news distribution network (NDN).

Lo ha segnalato l’ultima edizione del Wall Street Journal citando fonti che rimangono anonime, secondo cui Yahoo sarebbe disposta a pagare 300 milioni di dollari per l’acquisto della società. Ma su cosa si basa l’idea che compere con YouTube sui video streaming possa portare a risultati concreti? Probabilmente sul fatto che da anni chi produce e mette online video su YouTube si lamenta per i bassi compensi.

Yahoo, quindi, vuole provare a rubare la scena a YouTube, acquistato nel 2006 da Google per 1,65 miliardi di dollari. E starebbe anche contattando alcune delle star e dei canali del sito per mostrare il progetto.

Ma non c’è solo il Wall Street Journal, a lanciare l’anticipazione. Anche secondo quanto riferisce il blog statunitense Re/Code, infatti, Yahoo starebbe pensando ad un suo sito di condivisione video streaming da lanciare nei prossimi mesi facendo leva su maggiori guadagni per i ‘contributors’ o ‘uploaders’ come vengono chiamati coloro che creano e convidono video sulla piattaforma.

Fra l’altro l’azienda guidata da Marissa Mayer da tempo sta cercando di essere più aggressiva nel settore dei contenuti. A gennaio al Ces di Las Vegas ha lanciato “News Digest”, un suo magazine online, portando nelle sue file anche Katie Couric, popolare giornalista del network americano Cbs, passata dalla tv al web.

In ultima istanza, prosegue la battaglia a colpi di ‘visite’ e ‘impression’ tra Google e Yahoo, che si rincorrono anche nella classifica dei siti più visitati negli Stati Uniti: dopo essere stato scalzato da Sunnyvale, Big G ha ripreso di recente lo scettro. Secondo la società ComScore, a febbraio 2014 Google è risultato primo, mentre Yahoo è sceso al secondo posto.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register