Blogger / E-commerce / eBook / in evidenza / Informazione / Innovazione / Marketing / Recensioni / Strategia

Bitcoin: L’altra faccia della moneta

Bitcoin: L’altra faccia della moneta
4 minuti di lettura

In questi giorni anche la cronaca generalista si sta occupando di Bitcoin e della moneta digitale a causa un po’ delle tragedie e del gossip. Infatti dopo la bancarotta di Mt.Gox in Giappone, è di pochi giorni fa la notizia della morte a Singapore (ipotesi non confermata di suicidio) di Autumn Radtke la giovane americana manager di una Borsa Asiatica (First Meta) che negozia moneta virtuale. Mentre da più parti si scommette, ipotizza e mormora sulla vera identità del creatore dei Bitcoin, ovvero Satoshi Nakamoto.

Tutto ciò crea hype e buzz in rete ma, dopo la recentissima apertura dei primi bancomat per bitcoin negli USA e a Hong Kong forse è il caso di comprendere meglio il fenomeno e come (ovvero se) ci cambierà vita e abitudini.

Dunque tuffiamoci nella lettura di ‘Bitcoin L’altra faccia della moneta‘ edito da goWare, per fare un po’ di ordine e comprendere meglio il fenomeno, anche perchè il prestigioso Time lo colloca al primo posto fra i fenomeni del momento.

L’ebook nasce da un lavoro di ricerca approfondito ed esaustivo e offre una prima riflessione, di tipo economico-giuridico, sulla criptovaluta di internet, analizzandone in profondità gli aspetti fondamentali: tecnico, sociale, giuridico e economico.

unnamed

Il sistema bitcoin rappresenta una social machine: le interazioni molto stabili tra gli utenti e tra gruppi di utenti sono tali da tenere in vita l’intera rete peer-to-peer su cui si fonda la nuova valuta virtuale

In Rete sta nascendo la prima valuta veramente mondiale e globale come neppure il dollaro e l’euro sono riusciti a essere. La misteriosa e affascinante moneta virtuale nata nel 2009 a opera di Satoshi Nakamoto, pseudonimo dell’anonimo internauta che l’ha inventata e sviluppata, ha attirato nel corso di pochi anni l’attenzione di tutta una serie di soggetti istituzionali (es. la BCE, l’FBI, o la stessa Federal Reserve), imprenditoriali e di semplici utenti, incrementando il suo valore e il volume di transazioni, fino a toccare a fine novembre 2013 l’incredibile valore di cambio di oltre $1000.

Sono aspetti fondamentali, di cui si sta discutendo in tutti i paesi del mondo e a livello internazionale, che vanno approfonditi, perché il bitcoin è già spontaneamente approdato nel “mondo reale” e si sta diffondendo vorticosamente, come dimostra la recente apertura dei primi bancomat per bitcoin negli USA e a Hong Kong.

Schede degli autori:

Giulia Arangüena è avvocato del Foro di Roma, founder di ADLP Studio Legale e of counsel di Magrì & Associati. Svolge la propria attività stragiudiziale e giudiziale nei settori dei contratti pubblici, insolvency, diritto bancario e finanziario, banking, IP e concorrenza, diritto delle nuove tecnologie e dell’informazione. È membro del comitato scientifico di Medialaws e del comitato promotore di Alleanza per Internet; coordina la redazione di “Iuslab” e collabora con la rivista “Diritto dell’Informazione e dell’Informatica” di Giuffrè e con la rivista telematica “Key4Biz”, quotidiano di informazione su telecomunicazioni, media, Internet, smart city e giochi.

Simone Caroli, classe 1988, ha lavorato come fundraiser durante l’università. Laureatosi in Giurisprudenza, svolge attività di consulenza e studio collaborando alla realizzazione di progetti web per l’analisi del mercato del lavoro, grazie ai quali si è appassionato alle nuove tecnologie e ai relativi ambiti di diritto dell’economia. È associato in partecipazione di ADLP Studio Legale per il quale coordina il servizio ricerche e analisi di diritto dell’economia e ha fondato un gruppo di studio per l’analisi del bitcoin.

Luca Nicoli, classe 1988, si è recentemente laureato in Economia e Finanza Internazionale a Milano, con una tesi in matematica applicata. Ha lavorato presso diverse aziende come ricercatore quantitativo junior e svolge il ruolo di data analyst nel gruppo di studio per l’analisi del bitcoin fondato e coordinato da Simone Caroli.

Massimiliano Rizzati, classe 1988, ha una laurea specialistica con finalità di ricerca in Economia Politica all’Università degli Studi di Milano e all’Universitè Catholique de Louvain. Collabora come consulente con una start-up e si occupa di open-data. Ha iniziato a interessarsi di economia digitale e dei relativi aspetti monetari e collabora con il gruppo di studio sul bitcoin coordinato da Simone Caroli.

Francesco Armando Chiari, classe 1988, e si è appena laureato in Giurisprudenza a Milano, con una tesi in Diritto dell’Unione Europea in materia di appalti e servizi pubblici, ed è attualmente alla ricerca di un’occupazione lavorativa. Partecipa al progetto di studio sul bitcoin coordinato da Simone Caroli.

Editore: goWare

ISBN: 9788867971558

Foto del profilo di Gianluigi Cogo
Da anni facilita i processi che sfruttano le nuove tecnologie e diffonde cultura digitale nella Pubblica Amministrazione. In rete dai primissimi anni ‘90, a Venezia fonda la prima rete civica ‘Venice On-Line’ e poi il primo portale cittadino: ‘Venezia.Net’. Verso la fine degli anni ’90, assieme ad altri colleghi, crea il primo network dei Comuni della Provincia di Venezia ‘Polo Est’ e, infine, uno dei primi social network italiani: ‘Networkingitalia.it’. Presso la Regione Veneto (dove ora ha la responsabilità della Community Network inserita nella struttura di e-government) crea la prima rete intranet basata su workspace e dinamiche 2.0. Sviluppa, insieme ad altri colleghi di diverse regioni italiane, Ritef, la ‘rete delle regioni per l’e-learning’ ed è fin dai primi anni 2000 uno dei protagonisti del Cisco Networking Academy in Italia. Attualmente svolge consulenze per Università, Centri di Formazione Pubblici e Privati e Ministeri, per divulgare le dinamiche e i valori della ‘collaborazione e della partecipazione’. E’ docente presso la Facoltà di Informatica dell’Università Ca Foscari di Venezia del corso ‘Social media e smart apps’, Presidente di Assint (Associazione per lo sviluppo dell’innovazione e delle nuove tecnologie), è stato anche Segretario Generale dell’Associazione Italiana per l’Open Government, Componente del Comitato Scientifico della rivista Egov, membro dell’esecutivo dell’Istituto per le Politiche dell’Innovazione, fondatore/animatore della rete degli innovatori della pubblica amministrazione, consulente di FormezPA e molto attivo con il suo blog: http://webeconoscenza.net/. Ha ideato e promosso il primo Barcamp degli innovatori della Pubblica Amministrazione e collabora come docente e curatore scientifico per master e corsi sull’e-government 2.0 e sull’Enterprise 2.0. Scrive su diverse riviste del settore e ha pubblicato i libri: ‘La cittadinanza digitale’ , ‘I siti web delle Pubbliche Amministrazioni’ e ' I Social Network nella PA'.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>