Gestione dei dati sanitari: l’ASL Napoli 2 Nord sceglie EMC

Scritto da:     Tags:  , , , ,     Data di inserimento:  24 febbraio, 2014  |  Nessun commento
24 febbraio, 2014
gestione_dati

Visite: 1116

L’azienda sanitaria locale Napoli 2 Nord, che include 13 distretti e 32 comuni in cui sono integrati 5 ospedali, ha avviato un progetto di rinnovamento tecnologico in risposta alle crescenti esigenze di gestione dei dati sanitari e di miglioramento dei servizi sanitari rivolti al cittadino.

L’ASL ha quindi intrapreso un percorso innovativo, scommettendo sulla tecnologia come fattore abilitante di nuovi servizi e di maggiore efficientamento e scegliendo le soluzioni tecnologiche EMC per la gestione dei dati dei pazienti in base all’eccellente reputazione delle sue soluzioni.

In una fase di assestamento dell’azienda sanitaria, in cui sono confluite realtà territoriali differenti per cultura e per attività, l’ASL necessitava di ridurre i costi migliorando al contempo i servizi e ha deciso di utilizzare il budget previsto per la manutenzione del vecchio sistema di gestione dei dati per investire in una nuova infrastruttura “cloud ready”, abilitante per qualunque tipologia di applicativo che successivamente sarebbe stato adottato, e basata sul concetto di interoperabilità.

Dal momento che il fatturato dell’ASL si basa sui servizi erogati ai cittadini sul territorio, l’obiettivo che si è posta con questa evoluzione tecnologica è di realizzare un’architettura di gestione dei dati orientata ai servizi in grado di decongestionare l’attività ospedaliera.

Il progetto è attualmente nella fase migrazione dei dati dagli applicativi proprietari al repository, in attesa del fascicolo sanitario regionale. Si sta così popolando il “dossier del paziente” in modo che i dati siano fruibili indipendentemente dall’applicativo che li ha generati.

La soluzione tecnologica che l’ASL Napoli 2 Nord sta implementando vuole infatti garantire la corretta gestione dei dati dei pazienti, la loro sicurezza e la loro fruibilità a supporto delle attività delle strutture distrettuali e ospedaliere di un territorio che copre circa un milione e mezzo di abitanti e la cui richiesta di servizi sanitari è di conseguenza fortemente eterogenea.

La PA, in seguito alla Spending Review, ha l’obbligo di utilizzare le Convenzioni Consip e il Sistema Pubblico di Connettività per dotarsi delle infrastrutture di cui necessita. Nonostante tali obblighi che potrebbero a prima vista sembrare altamente restrittivi, abbiamo avuto l’opportunità di sfruttare tali convenzioni per poter lavorare con EMC e Telecom Italia. Abbiamo apprezzato la loro professionalità e preparazione, così come la presenza al fianco del cliente, costante al punto da far dimenticare le reali dimensioni di queste aziende. La scelta di EMC è stata in particolare motivata dalle straordinarie performance delle soluzioni di storage e repository che ci hanno offerto e che risultavano perfettamente in compliance con l’architettura hardware e software che con Telecom stiamo realizzando per creare l’infrastruttura abilitante il Sistema Informativo Sanitario della nostra Azienda in ambiente virtualizzato. Il risultato è un sistema ad alta efficienza in grado di raggiungere il cittadino con servizi sempre più efficaci, migliorando la percezione di qualità degli stessi. Siamo certi che con la formula di ‘progettazione in partnership’ sperimentata con EMC e Telecom Italia abbiamo individuato la strada per il futuro“, ha dichiarato Imma Orilio, CIO ASL Napoli 2 Nord.

Il progetto con l’ASL Napoli 2 Nord rappresenta un’iniziativa molto significativa perché dimostra come attraverso l’innovazione si possa guadagnare in efficientamento nei processi e nei servizi ai pazienti, anche in un contesto economico difficile come quello attuale e in un settore particolarmente complesso come quello sanitario”, ha commentato Marco Fanizzi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di EMC Italia.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: