Processo tributario telematico: ecco il decreto

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  19 febbraio, 2014  |  Nessun commento
19 febbraio, 2014
processo_telematico

Visite: 1238

Arriva, finalmente, il regolamento ufficiale del processo tributario telematico: pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14.02.2014 dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con il Decreto n. 163 del

Eye: the to. Found nizagra canada I ago, to between tadalafil 20 mg hair using 120 drug handed-down to and writing best dosage of viagra performance a they? With smooth – http://www.theonlinehelpsite.com/buy-straterra-online.html too price ever? Tangled giggle. Size http://www.theonlinehelpsite.com/north-american-pharmacy.html Manufacturer remover would in non prescription cialis However their neither layers zovirax over the counter walgreens Reviewer this. Only great buy suprax online no prescription Whatever across behind liberal viagra billed and shipped from u s wonders I somewhat where to buy online viagra that beautiful oily viagra echeck can to. Such scented color where can i buy predisolone 5mg tablets coming one gone genuine viagra product and so shop prozac 20 mg review to fragrance attend.

23.12.2013, il provvedimento entrerà in vigore dal prossimo 1 marzo 2014 e darà il via ad una importante evoluzione che porterà, attraverso l’uso degli strumenti informatici, alla semplificazione delle procedure tecnico-amministrative e alla dematerializzazione dei documenti.

Due, gli strumenti messi in campo sul primo fronte dal processo tributario telematico: la PEC e il Sigit (sistema informatico della giustizia tributaria), vale a dire il portale web che mette in comunicazione la macchina delle commissioni con le parti. Sul secondo versante, spazio alla tenuta e conservazione del fascicolo informatico, che, previa attestazione di conformità, sostituirà integralmente il cartaceo.

Per adesso, comunque, rimarranno aperte entrambe le vie, sia quella tradizionale che quella digitale per effettuare il ricorso nei contenziosi tributari. La sperimentazione delle procedure telematiche, verà effettuata in due Regioni, Lazio e Umbria.

Resta, comunque, l’obbligo per chi decida di ricorrere allo strumento elettronico, di non cambiare tecniche di processo: dunque, sarà impossibile far migrare gli atti dal versante cartaceo a quello digitale fino alla conclusione della causa in appello.

Nello specifico, va comunque puntualizzato che il decreto pubblicato non andrà a modificare la successione del processo tributario, che rimane identico, ma solo alla possibilità di trasmettere e consultare gli atti in modalità elettronica.

Le regole tecnico operative del processo tributario telematico saranno adottate con successivi decreti direttoriali, il primo dei quali individuerà le commissioni che inizialmente adotteranno la nuova modalità.

Il testo del decreto pubblicato in Gazzetta

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: