Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Beni comuni / Blogger / Capitale sociale / in evidenza / Innovazione / Marketing / Recensioni / Social Media

Business Networking, non basta esserci… bisogna muoversi! Come?

Business Networking, non basta esserci… bisogna muoversi! Come?
3 minuti di lettura

Il sottotitolo del libro di Gigi Cogo e Simone Favaro sul business networking è “Come usare il social web per la creazione di relazioni professionali“. Si tratta perciò di una lettura destinata solo ai professionisti?

Certo, quello è l’obiettivo proclamato dagli autori, ma sarebbe un errore valutarlo soltanto in questa maniera. C’è un sacco di buon materiale, di spunti che possono essere utili a chiunque abbia percepito la Rete come ambiente di crescita personale (non solo professionale quindi).
Il linguaggio, tanto per cominciare, è lontano dalla presunzione che tanti “guru” usano per piazzare i loro prodotti. Qui non si vende nulla: si dimostra come un’azienda, o una persona, possa trarre beneficio da un uso intelligente della Rete. A patto che si lasci perdere l’improvvisazione e ci si rimbocchi le maniche.

Parlare della Rete come “realtà parallela” o differente è del tutto privo di senso; al contrario, rappresenta semmai un formidabile propulsore per chiunque decida di passare dall’aspetto solo ludico a quello più professionale. Senza voler rendere banale il termine “professionale”: chiunque decida di investire in se stesso ed è pronto a imparare, dovrà per forza di cose adottare una strategia volta ad aumentare l’efficienza (nella gestione del tempo), oltre a essere preparato (o a prepararsi) e ad assumere un atteggiamento di serietà e consapevolezza.

La Rete, ricordano gli autori, è come un elefante: ricorda tutto.

Nelle pagine di questo libro si mettono in luce rischi, tonfi, ma anche le opportunità che sono a portata di chiunque. Buona parte dei capitoli sono dedicati a come costruire un sistema di relazioni in grado di migliorare la propria vita professionale. Si parte da un assunto semplicissimo: occorre muoversi. In un mondo carico di voci e contenuti pensare che sia sufficiente esserci non conduce da nessuna parte.

Gli autori, nei sette capitoli in cui è suddiviso il libro, si dedicano soprattutto alle tecniche e ai metodi per riuscire nell’intento di creare relazioni. Non credo che sia stato scelto a caso il termine “relazioni” invece che quello troppo asettico di “rete”. Perché in ballo ci sono le persone, non numeri.

il libro Business Networking

Non siamo alle prese con un’opera che magicamente svela e rivela trucchi e strategie. Non serve la stregoneria sul web. Ma la serietà, la determinazione a valorizzare le proprie qualità, il desiderio di mettersi in discussione, e la volontà di conseguire dei risultati per incrementare i propri affari, oppure per creare un nuovo business. O ancora, per migliorare la propria vita professionale. Anche per trovare un nuovo lavoro? Certo: è prassi ormai comune per le aziende ricorrere al web per conoscere meglio certi candidati, o scovare le figure professionali necessarie. Ignorare tutto questo significa sottovalutare il potere della Rete, e precludersi opportunità di crescita e di lavoro.

Gli autori sottolineano un aspetto nel corso dell’opera: non esistono ricette uguali per tutti. Qualunque canale si scelga (blog o Facebook), non lo si deve fare per esserci, o per presenziare soltanto.
Spesso certi fallimenti nascono da un grave errore di valutazione: lo scopo è essere su Twitter, non usarlo per rafforzare il marchio, conquistare nuovi clienti, guadagnare in visibilità, dimostrare le proprie competenze.

Quando invece ci si focalizza sul vero obiettivo (l’azienda, o se stessi) si capisce che ogni canale (Google+, Facebook, Twitter) ha proprie peculiarità, e si deve essere capaci di valorizzarle.

Altro aspetto da considerare con la dovuta cura: non puoi far capolino solo in certe circostanze o situazioni. Creare relazioni vuol dire tenere in conto le dinamiche che le animano, e se si ignorano il pericolo è essere spinti ai margini. L’esempio (peggiore) lo offrono buona parte dei politici che si affacciano sul web in vista delle elezioni, per poi abbandonare ogni attività il giorno seguente al voto.

Business Networking è una lettura fondamentale per chiunque abbia compreso che la Rete è parte integrante della vita professionale di ciascuno, manager o studente che sia.

Conclude il libro una interessante bibliografia (in modo da approfondire temi e spunti affrontati dal libro) e una tavola rotonda “virtuale” dove a parlare sono alcune delle voci più conosciute del web italiano.

Desidero ringraziare Maggioli Editore per la disponibilità dimostrata.

il libro Business Networking

BUSINESS NETWORKING
Come usare il social web per la creazione di relazioni professionali

di Gianluigi Cogo – Simone Favaro

prezzo: 22 euro

19,80 euro > Acquista il libro

 

 

 

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Marco Freccero
è stato per anni Web Editor del sito ilMac.net. Ha curato per BuyDifferent numerosi libri elettronici, firmato articoli di opinione, e decine di recensioni su software e hardware dedicato alla piattaforma Mac. Vive in provincia di Savona, e quando non sviscera gli aspetti più o meno nascosti del sistema operativo di Apple, cura il suo blog personale dove non parla di Mac: http://marcofreccero.wordpress.com/

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register