Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / in evidenza / Marketing / Politica / Strategia

Tassa sugli smartphone: ecco quanto si paga

Tassa sugli smartphone: ecco quanto si paga
1 minuti di lettura

Ne sentivamo effettivamente il bisogno ed eccola qua, la tassa sugli smartphone è tra noi. Del resto, come sarebbe stato possibile evitare di tassare l’unico (o uno dei pochi) prodotti resistenti alla crisi e, anzi, in continua crescita? Al solito, peraltro, quando mettono una nuova tassa tendono a non spiegane esattamente il contenuto, in modo da ‘annebbiare’ il giudizio riservandosi, magari, di cambiare in corso d’opera.

Tassa sugli smartphone, tassa Siae, tassa hi-tech: potete decidere il nome che vi piace di più (o di meno, a seconda dei punti di vista). A essere colpiti saranno smartphone, tablet, computer fissi e mobili ma anche chiavette Usb, hard-disk esterni, Tv con funzione di registratore e decoder. In pratica tutti i dispositivi elettronici che funzionano da archivi digitali.

In sostanza è l’applicazione di un Decreto Ministeriale del 2009 che ricalcola la tassazione sull’acquisto di nuovi dispositivi che possono riprodurre file, la cui vera denominazione è “Rideterminazione dei compensi per copia privata” e che stata fortemente voluta da Gino Paoli (Siae). a livello economico, vediamo i suoi effetti (tabella sottostante).

tabella_tassa_siae

Se compreremo uno smartphone e un tablet ci troveremo a pagare 5.20 euro in più, se compreremo un decoder con 400 GB di memoria pagheremo 40 euro in più oltre al prezzo già aumentato con l’Iva, che dallo scorso 1 ottobre su questi prodotti è passata dal 21% al 22%. Sui computer si salirà a 6 euro, mentre per quanto riguarda le memorie esterne (di 20 Gb e oltre) la tassazione ammonterà a 12.88 facendo segnare un incremento di quasi 3 euro rispetto alla situazione attuale.

Considerando che, secondo le previsioni, nel 2014 saranno acquistati 16 milioni di smartphone, 8 milioni di tablet, 10 milioni tra computer e tv, 8 milioni fra chiavette Usb, hard disk, decider, tutti soggetti alla tassa Siae, calcolando una media di 5 euro a dispositivo fanno 200 milioni di euro per la SIAE.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register