Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / in evidenza / Innovazione / Innovazione Sociale / Marketing

ChoiceMap come la Palla 8: l’iPhone ti consiglia cosa fare

ChoiceMap come la Palla 8: l’iPhone ti consiglia cosa fare
1 minuti di lettura

Si chiama ChoiceMap ed è l’ultimo ‘ritrovato’ per iPhone che potrebbe spopolare a breve: trattasi di applicazione gratuita che dovrebbe aiutarci a prendere decisioni migliori in tutti gli ambiti della vita quotidiana. Siamo quindi allo smartphone in versione oracolo o consigliere? Forse si, ma analizziamo bene l’intrigante app.

ChoiceMap (letteralmente mappa di scelta) funziona così: dopo averla scaricata da iTunes, in pochi semplici passi si impostano le proprie priorità, quindi vengono classificate le opzioni disponibili per soddisfare le esigenze dell’utente in relazione alla domanda che viene posta. È poi possibile anche condividere i risultati sui social network o via email.

ChoiceMap-1

Le domande

Di tutto e di più: devo cambiare lavoro? Mi conviene quell’investimento? Sto veramente bene col mio fidanzato? Dovrei pensare di trasferirmi? E via dicendo. Non ridete, suvvia, del resto l’algoritmo che sta alla base di ChoiceMap sarà pure figlio di un’analisi matematico-statistica che vi salvaguarda da rischi. Può tornare in mente la famigerata “Palla 8” del film Interstate 60: ad ogni domanda una risposta giusta.

ChoiceMap è quindi multidisciplinare, in quanto risponde a domande su qualsiasi argomento, dall’amore alle decisioni legate al lavoro, dalle scelte più importanti a quelle più banali: in ogni caso, ChoiceMap consiglia la cosa migliore da fare.

E’ possibile creare decisioni da zero, o modificare i modelli già presenti riguardo l’argomento che più è di interesse (bici, libri, operatore di telefonia mobile, computer, programmi tv da vedere, ristoranti, luoghi di villeggiatura, film da vedere, ecc.).

Dicevamo dell’algoritmo: ChoiceMap è frutto di un codice matematico, probabilmente utile per chi vuole un consiglio su qualche decisione, ma non di sicuro da prendere alla lettera. La cosa interessante potrebbe essere comunque il suo influenzamento sulle nostre decisioni: se, per esempio, l’algoritmo non facesse altro che portare al 99% il nostro 70-75% di convinzione su una determinata cosa, magari allora potrebbe rivelarsi utile.

Anche se, poi, l’inquietante risultato finale sarebbe che l’iPhone si sostituirebbe ad un amico fidato o ad un fratello: considerando il tempo che ci passiamo insieme ogni giorno, è così campata per aria questa app?

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register