Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Agenda Digitale / Blogger / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing

Agenda Digitale: fosse Twitter il problema di Caio saremmo a cavallo

Agenda Digitale: fosse Twitter il problema di Caio saremmo a cavallo
1 minuti di lettura

L’Agenda Digitale si fa su Twitter? Probabilmente no, ma si ‘diffonde’ tramite la rete della quale Twitter, Facebook e tutti i social network e i blog e i siti di questo pianeta sono la più semplice rappresentanza. Ergo, il problema di Francesco Caio non è il non avere un account Twitter, quanto quello che lui e la sua squadra non abbiano mai e poi mai condiviso con gli italiani i progetti per migliorare l’Agenda Digitale italiana.

Il tutto viene abbastanza automatico dopo le incredibili polemiche piovute sul nostro Mister Agenda Digitale (o Digital Champion, se preferite) dopo che, in una discussione su Twitter fra Mike Butcher (giornalista di TechCrunch) e Neelie Kroes (Vice Presidente UE) è emerso come lo stesso Caio non abbia ancora aperto un account Twitter.

agenda-digitale-tweet-623x396

Avendolo infine ufficializzato @Agenda_Digitale, chiamata in causa dal giornalista dopo che la Kroes gli aveva condiviso una lista dei digital champion, cioè i responsabili dell’Agenda Digitale dei paesi europei, ecco la frittata completa con tanto di figuretta internazionale, “ma come si fa”, polemiche mondiali eccetera.

Ora, ripetiamo, siamo più preoccupati per la webtax, per la mancanza di una strategia unica (la famigerata governance condivisa che non abbiamo), per la totale assenza di alfabetizzazione digitale, per l’Agid senza statuto vita natural durante, per la banda larga a macchia di leopardo, per i servizi di e-government inutilizzati. Che, con tutto il rispetto, per l’account Twitter di Francesco Caio che non c’è.

Se lo creerà, sicuramente gli chiederemo le stesse cose che chiediamo da mesi, anzi da anni, e alle quali non abbiamo mai una risposta chiara. Ma in realtà quel che dovrebbero creare gli “Amici dell’Agenda Digitale” e del nostro Governo è un sito, un portale, un account Fb o Twitter, anche una pagina Html se volete, sulla quale ci informino sullo stato dei lavori, sugli ordini del giorno, sugli investimenti fatti.

Non ci interessa neanche quanto prendono i Mister Agenda Digitale, ci interessa sapere cosa stiamo facendo per l’agenda digitale. Fosse Twitter il nostro problema saremmo a cavallo, altroché. Le figuracce che facciamo sono quelle non dette, purtroppo proprio perché non fatte…

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register