Apps & Mobile / in evidenza / Marketing

Whatsapp: le quattro novita’ da non perdere

Whatsapp: le quattro novita’ da non perdere
4 minuti di lettura

Anno nuovo, sistemi di messaggistica istantanea ‘vecchi’: tutti ci provano, ma Whatsapp prende sempre più quota di mercato e, a discapito dei suoi 0.89 centesimi all’anno (dopo un anno di prova gratis per chi non l’ha mai utilizzato) resta sempre l’istant messaging system numero 1 al mondo.

In realtà, oltre ai soliti noti (WeChat, ChatOn, Line, Viber, Facebook Messenger) ora si aggiunge un altro concorrente a Whatsapp, ossia l’istrionico coreano Kakao Talk, uscita lo scorso novembre e arrivata nel breve a superare i 100 milioni di utenti attivi/mese (Whatsapp ne ha 370 milioni).

Kakao Talk, così come Viber, e in grado di inviare messaggi ed effettuare chiamate (anche di gruppo, fino a 5 persone), e soprattutto è gratis a vita, così come lo sono tutti i sistemi di messaggistica esistenti tranne Whatsapp, che non lo è perché non vende pubblicità (almeno così appare sul display di qualsiasi smartphone nel momento in cui, inserendo una nuova SIM, Whatsapp chiede la sincronizzazione automatica).

A proposito: ci sono quattro novità recenti di Whatsapp che è meglio conoscere per ampliare ulteriormente il proprio bagaglio di informazioni su questa applicazione che, oggi, sostituisce per il 75% degli italiani i vecchi SMS.

1. Whatsapp gratis a vita: possibile?

Anche nel giorno dell’Epifania i nostri smartphone sono stati subissati dalla catena di Sant’Antonio di Whatsapp gratis a vita, con tanto di indicazioni sul “come fare per” installare la app free per sempre. Precisiamolo subito: Whatsapp è gratuita per i primi 12 mesi per qualunque nuovo utente Android, Apple, Windows Phone, dopo di che bisogna pagare 0.89 centesimi di euro all’anno per usufruirne.

La domandona quindi è: ma è proprio impossibile forzare il sistema e non avere quella scocciatura dei 0.89 centesimi da pagare peraltro con carta di credito online? No. Volendo, c’è il modo per avere Whatsapp gratis a vita. Come? Il procedimento per continuare ad utilizzare Whatsapp gratis è molto semplice:

  1. Disinstallare Whatsapp dal cellulare;
  2. Trovare (o farsi prestare) un cellulare con un sistema operativo diverso da quello attualmente utilizzato (quindi se avete un cellulare con sistema Windows phone, dovrete procurarvi un iPhone o un cellulare Android);
  3. Scaricare l’applicazione sul nuovo telefono ma registrarsi con il numero di telefono originario;
  4. Uscire dall’account Whatsapp sul cellulare procuratosi e reimpostare Whatsapp sul telefono originario;
  5. Controllare la scadenza e se troverete la scritta “Lifetime” (per tutta la vita) avrete Whatsapp gratis per sempre

2. Come nascondere l’ultimo accesso e lo stato

Aprite un qualsiasi contatto Whatsapp, guardate in alto: vi apparirà l’orario di ultimo accesso al sistema. Per cui, aldilà della singola o doppia spunta (la singola indica l’invio effettuato, la doppia l’effettivo arrivo sullo smartphone del contatto), per rendervi conto se il vostro messaggio è stato letto potrete semplicemente constatarlo così.

C’è chi, per ovvi motivi, non vuole mostrare il proprio stato “online” e comunque non vuole che si sappia quando è stato l’ultimo accesso: si può nascondere il tutto? La risposta è si ma non è gratis.

whatsapp status

L’app per nascondere lo stato su Whatsapp, infatti, si chiama Whatsapp+ e Plus Donationcosta 2.5 euro e risolve ogni problematica. Ecco il modus operandi:

  • primo: per installare Whatsapp+ bisogna inanzi tutto aver effettuato l’installazione del classico Whatsapp ed aver inviato e ricevuto qualche messaggio. Fatto ciò, si procede disinstallando Whatsapp.
  • dal sito ufficiale di Whatsapp+ scaricare l’apk e installare (assicurarsi di aver abilitato l’installazione di file sconosciuti dalle impostazioni di sicurezza del proprio dispositivo).
  • dopo aver installato e seguito la solita procedura per la configurazione di Whatsapp, entrare nelle impostazioni di Whatsapp e premete su Nascondi Stato Online.
  • nel popup che segue verrà chiesto se si è in possesso di Plus Donation: per scaricarla, basta cliccare su Attiva, entrate nello Store ed effettuate il pagamento.

Una volta completato il tutto, sarete come invisibili: potrete cioè continuare a chattare su Whatsapp normalmente ma la data della vostra ultima visualizzazione ‘ufficiale’ sarà quella dell’abilitazione di Plus Donation. E’ questo, quindi, l’unico modo.

3. Acquisti In-App e chiamate VoIP

Whatsapp dovrebbe introdurre a breve anche gli acquisti In-App. Attualmente il pagamento è reso possibile solo con servizi esterni come PayPal o carta di credito online, ma prossimamente sarà possibile pagare anche con il proprio account Apple grazie agli acuisti In-App.

Oltre agli abbonamenti, sarà possibile acquistare anche contenuti aggiuntivi? Ancora non si sa, mentre da sempre più parti (precisiamolo, sempre di rumors si tratta) si sostiene che Whatsapp introdurrà anche la possibilità di effettuare chiamate audio con il protocollo VoIP verso gli altri utilizzatori dell’applicazione.

4. Ripristinare i messaggi cancellati

Se utilizzate Whatsapp su un sistema iOS, vi può interessare un’utility che consente di ripristinare e recuperare eventuali messaggi cancellati o persi su Whatsapp. Si chiama Whatsapp Recovery ed è progettata proprio per recuperare le chat (e relativi allegati) rimosse da Whatsapp (su iPhone).

È possibile scaricare Whatsapp Recovery per Windows da questo link. La versione trial consente di visualizzare in anteprima i messaggi di whatsapp prima del recupero. La versione full di questa app consente di procedere al salvataggio dei dati recuperati e la licenza ha un costo di soli 9.95 dollari.

scanning-device-614x400

Whatsapp Recovery è in grado di recuperare i dati da Whatsapp in 2 modalità:

  1. Recupero tramite Backup iTunes (se presente);
  2. Recupero tramite scansione diretta della memoria del iPhone.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>