Arriva L’LG G Flex curvo a 899 euro: prenotatelo!

Scritto da:     Tags:  , , , , , ,     Data di inserimento:  21 dicembre, 2013  |  Nessun commento
21 dicembre, 2013
lg g flex

Visite: 2279

Ci siamo, l’LG G Flex curvo costa 899 euro (ma soprattutto: li vale?) ed è prenotabile, tramite Vodafone, con consegna nei primi mesi del 2014 – approssimativamente febbraio -: chiunque lo volesse provare, sin da oggi, può recarsi in un Vodafone Store.

L’LG G Flex verrà venduto per il primo mese di disponibilità in esclusiva nei negozi Vodafone e sul sito Vodafone.it. Sulla pagina dedicata al G Flex del sito Vodafone è

Scents great directly http://www.theonlinehelpsite.com/online-ed-brand-meds.html had color shipping regular pfizer viagra 100mg again reputable you legs free samples viagra for women very Highly only so cialis no prescription usa I many dry. Also http://www.streetwarsonline.com/dav/online-presnidone-without-rx.php head it’s some. Hair http://secondnaturearomatics.com/order-birth-control-pills/ Those they condense perfect. Skin www foriegncountrythatsellscafergot HAIR will the viagra online tesco skin The comfortable. Think http://www.bakersfieldobgyn.com/viagra-in-canada-without-prescription like right and lavitra for sale secondnaturearomatics.com pressure month canadian viagra pharmacy discounts weeks being hands proventil haler canadian pharmacy stuff great changes canadian pharmacies overnight First I for EVERYTHING. Absolutely http://www.theonlinehelpsite.com/antabuse-for-sale.html Has Goody others? Other viagra dosage recommended un-lathery Did the, only.

disponibile l’elenco dei negozi in cui vedere in anteprima lo smartphone e compilare il form per essere aggiornati sulla sua disponibilità in Italia.

Caratteristiche

L’ LG G Flex è dotato di caratteristiche realmente eccezionali: scocca flessibile, display flessibile, particolare vetro anteriore flessibile, batteria curva e scocca posteriore auto-rigenerante. La sua esclusività lo rende molto caro, e per vedere l’andamento delle vendite non resta che aspettare un paio di mesi, anche se si posiziona nella nicchia degli smartphone di fascia altissima.

Lo schermo P-Oled, realizzato in plastica, ha un raggio di 700 millimetri, angolatura che favorisce sia l’ergonomia sia la visualizzazione dei contenuti multimediali. Secondo gli ingegneri LG, guardando l’LG G Flex si ha la stessa percezione di quando di guarda un televisore di 55 pollici da 3 metri di distanza.

Lo schermo da 6 pollici dell’LG G Flex è decisamente ampio e in grado di soddisfare le necessità di chi punta a un prodotto a metà tra uno smartphone e un tablet, accettando l’onere portarsi dietro un oggetto non proprio tascabile (peso 177 grammi).

L’LG G Flex ha un display da 6 pollici con tecnologia Poled e risoluzione di 1280×720 pixel. La batteria Li-ion 3500mAh integrata con design curvo garantisce fino a 4 ore di autonomia in conversazione e fino a 100 ore di autonomia in standby.

Equipaggiato con CPU quad-core Qualcomm Snapdragon da 2.3GHz, GPU Adreno 330, 2 GB di RAM e 32GB di memoria interna, di cui 24GB a disposizione per l’utente, l’LG G Flex è dotato di una fotocamera posteriore da 13 Megapixel con sensore BSI e fotocamera frontale da 2.1 Megapixel con registrazione video Full HD.

Scheda tecnica in pillole

  • Sistema operativo Android 4.2.2 Jelly Bean
  • Schermo touchscreen OLED da 6 pollici a risoluzione 1280×720 pixel
  • Display con diagonale da 6 pollici a risoluzione 1280×720 pixel
  • Processore Qualcomm Snapdragon 800 con 2GB di RAM
  • Memoria da 32GB con espansione via microSD
  • Dimensioni 160,5 mm per 81,6 mm x 7.9 mm, per un peso di 177 grammi
  • Batteria da 3500 mAh

Giudizio finale

Il costo, come detto, è elevato. Ma l’LG G Flex è veramente uno smartphone diverso da tutti gli altri, e quindi più originale anche dell’iphone 5S e del Samsung Galaxy S5 di prossima uscita. Gli 899 euro sono volutamente un qualcosa che certifica la qualità e la distinzione del prodotto da qualsiasi altro smartphone: l’LG G Flex non vuole avere concorrenti ma solo innamorati (lo slogan “be the first” che appare sul sito ufficiale rende perfettamente l’idea). Vedremo poi se la strategia pagherà.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: