Maxi-affisione a Firenze: Matteo scegli uno smartphone italiano!

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  20 dicembre, 2013  |  Nessun commento
20 dicembre, 2013
renzi-800x450

Visite: 1212

Firenze chiama Matteo Renzi: da stamattina, la città di Dante è piena di Maxi-affissioni che invitano “Matteo” a rottamare il suo attuale smartphone e passare alla creatività italiana, scegliendo Stonex. Un messaggio semplice ma diretto, nel cuore di Firenze, un riferimento a tutti quelli che rappresentano il cambiamento.

In Italia ci sono ancora, per fortuna, società come Stonex capaci di creare e innovare con soluzioni tecnologiche d’avanguardia. La società non ha nulla da invidiare ai colossi americani ed asiatici che hanno in più solo costi elevati ed altrettanto elevati guadagni.

L’Italia ha sempre dimostrato di essere all’avanguardia, le menti del Belpaese sono le migliori al mondo nell’ideare. Tra i tanti record e invenzioni ricordiamo il Programma 101, il primo personal computer al mondo concepito da Pier Giorgio Perotto, ben cinque anni prima degli americani, di cui nel 2015 ovvero in concomitanza con Expo, ricorrerà il cinquantesimo anniversario da quando fu presentato alla fiera di New York!

Stonex ha scelto una comunicazione forte ai cittadini italiani, un modo per convincerli a scegliere uno smartphone italiano evidenziando in modo plateale questo consiglio rivolto a tutti i Matteo d’Italia. “Auspichiamo una sensibilizzazione su questo argomento e siamo certi che, provando i prodotti Stonex, i cittadini rimangano non solo soddisfatti ma anche convinti del grande livello qualitativo insito nei prodotti di aziende italiane. Stonex si ispira all’Italia convinta che una riscossa dell’impresa, del lavoro e dell’economia ci possa essere!“, si legge nel comunicato stampa.

La libertà di scegliere è un elemento inalienabile della nostra società e il fatto che i nostri cittadini scelgano tecnologia, cibo, mobili, immobili di aziende italiane costituirebbe un passo avanti come esempio per tutti quelli che ci stanno a guardare da fuori l’Italia.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: