Apps & Mobile / in evidenza / Innovazione / Innovazione Sociale / Marketing / Social Innovation / Social Media

Stanno arrivando i “mobile born”!

Stanno arrivando i “mobile born”!
1 minuti di lettura

I “mobile born” suscitano sempre maggiore interesse nelle discussioni dedicate alla tecnologia e allo sviluppo sociale.

Abbiamo sentito parlare a lungo dei “nativi digitali”: nuove  generazioni che fin dalla nascita hanno avuto a che fare con dispositivi tecnologicamente avanzati e che rivelano grande dimestichezza con computer ed internet fin dai loro primi anni. Adesso però si sta delineando una nuova figura, di pari passo con la modernità attuale: i “mobile born“, bambini che hanno a che fare con i smarthphone e tablet fin da piccolissimi, rivelando un’interazione estremamente semplice con tali dispositivi.

Uno studio di Common Sense Media negli Usa rivela dati davvero notevoli sui quali riflettere: il 38% dei bimbi di due anni ha già messo le mani su un dispositivo mobile. Se il 63% dei bambini di meno di otto anni usa smartphone e tablet soprattutto per giocare, un ulteriore 30% invece preferisce usarli per leggere.

Occorre dunque soffermarci a riflettere su quello che i “mobile born” si aspetteranno anche dalle tecnologie future e di quali potrebbero essere i loro approcci all’istruzione scolastica o anche in ambito lavorativo. Probabilmente la tecnologia continuerà ad evolversi di pari passo con le nuove generazioni ma occorre comprendere  fino a che punto la tecnologia faccia parte delle nostre esistenze.

I “mobile born” trascorrono parte della giornata sui dispositivi mobile e tablet pc dei loro genitori, pertanto sempre più aziende si sono organizzate per offrire contenuti adatti all’età dei bambini offrendo la possibilità ai genitori di scaricare comodamente le App per i loro figli. Negli ultimi anni sono state elaborate App educative e dedicate alla stimolazione dei più piccoli, cercando così di coniugare la moderna tecnologia con l’educazione e la crescita.

Opinioni discordanti sono frequenti quando si parla di “mobile born” e tecnologia, perchè occorre riflettere non soltanto sulle potenzialità che la tecnologia è in grado di offrire, ma anche comprendere le corrette modalità di utilizzo per un bambino e soprattutto le problematiche che possono derivarne.

Foto del profilo di Lampadina Lab
LampadinaLab è principalmente un laboratorio di idee. Siamo nate nel dicembre 2011, in ambito universitario. Data la necessità sociale di darci una forma ci descriviamo come Social Media Communicators. Ci occupiamo di comunicazione in tutte le sue fasi, dall’analisi contestuale alla pianificazione delle idee, dalla creazione di contenuti all’animazione dei canali social. La nostra intenzione principale è quella di dare contenuto alle tecnologie, di dargli vita, nella maniera più originale possibile. Comunicare è un istinto a cui cerchiamo di dar forma attraverso la creatività, sfruttando le opportunità che ogni media ci offre. Siamo cinque: Oriana Bottini, Valentina Canu, Eleonora Ciali, Sara Di Costanzo, Daniela Mannini. LampadinaLab collabora con Alessia Canu per la realizzazione grafica. Le nostre competenze professionali si muovono in ambienti diversi e il nostro desiderio di crescere professionalmente ci spinge ogni volta a dare il massimo dell’impegno per incrementare il nostro bagaglio culturale. Ci occupiamo di Social Media Management e Animation, Blogging, Fotografia e Videomaking, Rassegna stampa, Gestione e Copertura di eventi in loco e on line. La nostra filosofia è quella di ideare una modalità di lavoro aperta e mutevole che favorisca le dinamiche di gruppo; professionalità e preparazione tecnica associata alla creatività e al desiderio di ideare qualcosa di nuovo. Blog: http://lampadinalab.wordpress.com/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>