Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / Blogger / Informazione / Marketing / Open Source / Prodotti e aziende / Strategia

Google ha davvero a cuore l’Open Source di Android?

Google ha davvero a cuore l’Open Source di Android?
5 minuti di lettura

Quando nel novembre del 2007  Google diede vita al progetto AOSP (Android Open Source Project), il primo – e a dir poco rivoluzionario – iPhone era appena stato presentato e Google decise di non stare a guardare e intervenire per evitare un futuro monopolizzato dalla “mela” e dalle sue regole nel mondo mobile.

L’idea migliore per contrastare Apple fu quella di creare partnership con i produttori hardware dando vita ad un progetto Open Source da utilizzare come cavallo di troia per diffondere i propri servizi (ricordiamo tuttavia che inizialmente i servizi Google erano perfettamente integrati negli iPhone).

Questa idea di apertura piacque immediatamente a tutti: i produttori di device che la videro come un’imperdibile occasione di guadagnare quote di un mercato ancora inesplorato (o quasi) e le community di sviluppatori e – soprattutto – hacker che nella filosofia open han sempre trovato il loro habitat ideale.
Il progetto portò anche a quella che venne chiamata Open Handset Alliance (OHA), un insieme di aziende (84 per la precisione) che aderendo al programma possono avere liberamente accesso al codice sorgente di Android ed accedere ai servizi di Google ma sotto il rigido controllo di Mountain View.

Chi non fa parte dell’OHA può ovviamente usare i sorgenti del progetto AOSP e modificarli a suo piacimento (Amazon e il suo SO per il tablet Kindle Fire l’esempio più famoso) ma non può accedere ai servizi e alle applicazione proprietarie di Google.
I risultati li conosciamo tutti: oggi Android domina il mercato mobile con più dell’80% degli smartphone attivi e il trend è in continua crescita. 

Ma cosa e’ accaduto al progetto AOSP dal 2007 ad oggi?

Nei sei anni trascorsi, che han visto Google vittoriosa nella guerra di mercato contro Apple, Android ha visto progressivamente una perdita di “apertura” soprattutto di alcuni elementi fondamentali del progetto AOSP, elementi che sono stati rimpiazzati da applicazioni proprietarie di Google. Vediamone alcune:

Search

Nel 2010 Google lancia il servizio Google Search su mobile con le azioni vocali e l’app viene messa a disposizione sul Play Store (allora Android Market). Erano i tempi di Froyo (Android 2.2). Da allora la componente AOSP della ricerca non viene più aggiornata. Guardate un po’ la differenza tra l’app open source e quella proprietaria di Google preinstallata su tutti i device:

Non c’è bisogno di fare commenti.

Musica

Anche in questo caso nel 2010, contestualmente alla pubblicazione dell’applicazione Google Music (poi Play Music), la versione AOSP viene abbandonata a se stessa ed ecco come la troviamo oggi:

Più di recente lo stesso trattamento è stato riservato alle applicazioni Calendario e Tastiera (le versioni Open sono state abbandonate dopo la pubblicazione di Google Calendar e Google Keyboard). Anche alcune funzionalità della fotocamera non sono disponibili nei codici sorgenti AOSP, una su tutte la funzionalità Photosphere.

Abbiamo dunque assistito fino ad ora ad un progressivo impoverimento di funzionalità della componente open source di Android a favore delle applicazioni proprietarie legate a doppio filo ai servizi di Google. Ma da oggi, con KitKat e il Nexus 5 la cosa è ancora più evidente e palese: vediamo perchè.

Pure Android vs Pure Google

Lo scorso 1 Novembre sono stati presentati la nuova versione di Android 4.3 e il nuovo device-vetrina per i servizi di Google: il Nexus 5.

Fino ad oggi i device Nexus sono sempre stati definiti “Pure Android Exprience” proprio perchè quelli più vicini al progetto AOSP e senza customizzazioni da parte dei produttori, ma il nuovo device di Google in qualche modo rompe questa tradizione.

Il launcher del Nexus 5 (ossia l’applicazione che gestice la schermata con i widget e le icone della applicazioni) è un’app closed source esclusiva per questo device e che non verrà messo a disposizione (almeno per il momento) nè sul play store nè per gli altri device Nexus. I vari Nexus 4 e 7 manterranno il launcher del progetto AOSP.

Altra novità di KitKat su Nexus 5 è la mancanza dell’applicazione AOSP per la messaggistica, sostituita da Google Hangouts, app (ovviamente closed, ossia proprietaria) per la gestione di ogni forma di comunicazione mobile: chat, videochiamata, chiamata voip, sms, mms e chi più ne ha più ne metta.

Tutto ciò lascia pensare che sulla versione di KitKat in arrivo su Nexus 4, invece, l’app messaggi sarà ancora presente e l’utente potrà decidere se far gestire gli SMS a quest’ultima o ad Hangouts.

Ci troviamo dunque davanti ad un cambio radicale della filosofia Nexus: da Pure Android (Nexus 4 e 7) a Pure Google Experience (Nexus 5). Sembra una sciocchezza ma non lo è.

Ma perche’ Google sta facendo questo?

Innanzitutto Google sta impoverendo il progetto AOSP perchè ha raggiunto uno dei suoi obiettivi: dominare il mondo dei servizi mobile (1 milione e mezzo di attivazioni Android al giorno, vuol dire 1 milione e mezzo di indirizzi email Google che accedono tramite uno smartphone, mica male).

Legato a questo primo motivo c’è senz’altro una volontà da parte di Google di rendere la vita più difficile ai produttori che fino ad ora potevano fruire dei sorgenti AOSP per creare applicazioni customizzate per creare un proprio ecosistema software. Si pensi alle varie customizzazioni che troviamo nelle app Browser, Musica, Calendario, Telefono, Messaggi, ecc.. dei device di Samsung, LG o Asus. Tutte le app citate sono basate sul codice sorgente Open Source di Android. Fornire un codice sorgente meno aggiornato o non allo stato dell’arte in fatto di design e architettura software, significa senz’altro lavoro in più per gli sviluppatori e comporta un maggior adattamento alle linee guida fornite da Google in fatto di integrazione ai propri servizi. Insomma ulteriore controllo.

Non ci possiamo dunque stupire del fatto che un’azienda come Samsung cerchi di combattere sullo stesso terrenocreando un suo ecosistema di servizi speculare a quello di Google (ha praticamente creato un’app per ogni rispettivo servizio Google) al quale affiancherà un sistema operativo parallelo (Tizen) dove potrà poi erogare in autonomia tali servizi.

Google sembra quindi aver intrapreso una strada parallela a quella creata 6 anni fa, dove l’Open Source resta uno strumento vivo e necessario alla crescita di Android ma sacrificato e messo in secondo piano, sempre più vincolato alla componente closed source dei suoi servizi.

VIA

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Francesco Montanari
Mi presento utilizzando poche parole: 33enne, e-Learning Specialist, Android enthusiast, chitarrista autodidatta e indignato. Sono da sempre appassionato di progresso tecnologico soprattutto riguardo l'approccio open al mondo dello sviluppo software e le tecnologie per l'apprendimento. Blog: OfficinaWazo.com

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register