Apps & Mobile / E-commerce / in evidenza / Innovazione / Marketing

Paypal Beacon, sono quindi compro!

Paypal Beacon, sono quindi compro!
1 minuti di lettura

L’ultima frontiera dei pagamenti online si chiama Paypal Beacon e ti permette semplicemente di pagare con la tua identità. Basta mani, basta carte di credito, basta soldi online: con PayPal Beacon non c’è bisogno di nessuna lettura, nessun colpo, nessuno scorrimento. Si paga con la propria identità e basta.

Per farlo è sufficiente avere uno smartphone in tasca. E quello che stupisce è che, di per se, PayPal Beacon non è nulla di trascendentale (chissà poi perché tutti pensano che, per innovare, servano tecnologie particolarmente complesse: spesso è tutto l’opposto).

Paypal Beacon, che funziona grazie alla tecnologia Ble (Bluetooth Low Energy) è infatti una semplice penna Usb che può essere collegata al computer o, con un adattatore, in una qualsiasi presa di un negozio. Il piccolo lettore consente di leggere i clienti che dispongano dell’app PayPal installata e iniziare con loro un dialogo incentrato su un’esperienza d’acquisto personalizzata.

La novità più interessante, però, è il pagamento automatico dal proprio conto. Se non lo si è già fatto di default, basterà sbloccare il check-in in negozio con un codice, visitare e scegliere in tutta tranquillità i prodotti preferiti e, una volta alla cassa, comunicare al commesso che paghiamo con PayPal Beacon. Fine: scontrini e ricevute arriveranno via e-mail.

Il passaggio è rivoluzionario, perché se gli abbiamo dato via libera Paypal Beacon saprà già tutto. Niente segnale telefonico, niente Gps, serve solo l’account PayPal. Quanto ai problemi di privacy, dall’azienda di eBay non sembrano preoccupati: l’app non traccerà gli acquirenti ma entrerà in funzione solo nel momento dell’ingresso nel negozio. Ma certo potrà fare leva sui precedenti acquisti effettuati con PayPal, il che qualche dubbio lo solleva eccome.

Inizialmente Paypal Beacon sarà attivo solo in alcuni paesi quali Stati Uniti, Canada, Australia, Regno Unito, Hong Kong e Giappone, dove lo sviluppo tecnologico è più avanzato. Poi, se il tutto si dimostrerà utile e soprattutto ampiamente utilizzabile, lo vedremo anche in Italia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>